Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Costituito oggi pomeriggio il Comitato “Giù le mani dal Terminal”. Presso la sede della Associazione “Sale della Terra” in via San Pasquale un buon numero di Comitati cittadini ha voluto dare la propria adesione pubblica ad una battaglia civile e ad un movimento di protesta finalizzato a bloccare la costruzione di un complesso immobiliare nell’area dell’ex campo di gioco del Collegio La Salle e alla trasformazione di piazza Risorgimento.

Il nuovo Comitato ha visto la partecipazione di Gabriele Corona, presidente di AltraBenevento, ma ha preferito non intervenire al dibattito  per rimarcare anche polemicamente il fatto che un nuovo procedimento disciplinare, quale dipendente comunale, lo ha colpito nelle scorse ore proprio a ragione della sua forte esposizione anche mediatica in questa vicenda quale prima voce di denuncia.

A presiedere la riunione è stata dunque l’avvocato Sandra  Sandrucci della stessa Associazione AltraBenevento. Il Comitato “Giù le mani dal Terminal” ha deciso che farà sentire subito la sua voce contraria al programma edilizio che rientra nel cosiddetto Bando per le Periferie. Anche se si tratta di un progetto in fase ormai avanzata di approvazione, avendo ricevuto l’avallo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Comitato assicurerà che porrà in campo ogni azione possibile di contrasto a partire da una vivace azione di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini. Secondo il comitato è quanto meno possibile limitare l’impatto del progetto rispetto all’area del Terminal che dovrà essere preservata. Per ottenere questo risultato verranno coinvolti tutti gli studenti e i lavoratori pendolari che raggiungono l’area di sosta dei pullman extraurbani tutte le mattine. 

Il Comitato provvederà ad una raccolta firme,  inoltre saranno organizzati dei sit-in e  sessioni di volantinaggio. Insomma, una forte opposizione contro il provvedimento dell’amministrazione guidata da Clemente Mastella.

Presente questo pomeriggio anche i tre consiglieri comunali di opposizione Annamaria Mollica, Italo Di Dio e Marianna Farese. Tra gli aderenti  il Comitato di quartiere Centro Storico, l’associazione Radici, il Lap Asilo 31, il Cub, il Consorzio Sale della Terra.

Sandrucci ha sottolineato: “Noi non siamo contro i 17 interventi del bando periferie. Ma  abbiamo verificato che l’intervento relativo a piazza Risorgimento e allo spostamento del Terminal con la costruzione di un palazzo di 5 piani al posto del Terminal non è ammissibile perché non riguarda la periferia. Inoltre riteniamo che non è un progetto attuabile con molte criticità tecniche e urbanistiche. Deve essere stralciato, verificato e rimodulato”