Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento– Convocata dal sindaco Clemente Mastella, questa mattina si è tenuta una riunione per affrontare il problema della proliferazione dei ratti in città.
Nel corso del vertice, a cui hanno partecipato gli assessori Rossella Del Prete, Luigi De Nigris e Antonio Reale, il consigliere delegato al Verde, Angelo Feleppa, e i rappresentanti dell’Asl di Benevento, della Gesesa e dell’Asia, è stato messo a punto un pacchetto di interventi volti a fronteggiare il problema.

L’Asl ha preannunciato che sarà anticipato a lunedì 9 l’inizio degli interventi ordinari di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione sull’intero territorio comunale mentre il 21 dicembre partiranno invece gli interventi straordinari.
La Gesesa, a sua volta, provvederà a intensificare gli interventi sulle caditoie e affiancherà i tecnici comunali nell’opera di controllo degli allacci fognari presenti nelle scuole al fine di introdurre, laddove non fossero presenti, sistemi che impediscano la risalita dei ratti. I tecnici comunali effettueranno, inoltre, un’accurata ispezione degli edifici scolastici al fine di verificare, ed eventualmente chiudere, possibili fessure da cui i ratti possono potenzialmente introdursi all’interno degli istituti scolastici.

L’Asia, invece, di concerto con gli agenti della Polizia Municipale, intensificherà i controlli sul rispetto delle modalità e tempistiche di conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini e degli esercenti del settore della somministrazione in modo da evitare una prolungata esposizione degli stessi.

Il Comune, dal canto suo, solleciterà le autorità competenti (Provincia, Autorità di Bacino, etc.) a provvedere a una corretta ed efficace manutenzione dell’alveo dei fiumi in modo da prevenire i fenomeni di risalita dei ratti quando si registra un innalzamento del livello dell’acqua.

L’Ente provvederà inoltre ad emanare un’ordinanza che imponga ai proprietari l’obbligo di bonifica dal punto di vista sanitario dei siti abbandonati e subordinerà il rilascio delle licenze edilizie all’obbligo di affidare mediante apposito contratto la derattizzazione ad un’impresa specializzata (dalla fase di scavo sino al termine dei lavori).

Il Comune intensificherà infine i controlli finalizzati al rispetto delle ordinanze precedentemente emanate per contrastare la proliferazione di colombi e piccioni (divieto di lasciare sul suolo pubblico avanzi e scarti alimentari o cibo destinato ad alimentare gli animali randagi).