Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Crisi al comune di Benevento, rapporti con la Lega di Salvini, elezioni regionali. Ed ancora, la presidenza De Luca, la giustizia ed i vitalizi. Clemente Mastella, sul quotidiano Libero, analizza una fase delicata della sua lunga carriera politica. 

Mastella e la… CRISI AL COMUNE
“Presto terrò una conferenza stampa per chiarire tutto. Non c’erano più le condizioni tra minacce, gruppi e gruppetti. E poi la Lega che mi votava contro. C’era una consigliera (Pedà, ndr) col marito presidente del consiglio comunale che votava sempre per me, prima di voltarmi le spalle. Ho venti giorni di tempo per statuto, forse mi prendo quelli di Forza Italia e la lista mia e mi tolgo questi dalle scatole”.

Mastella e le ELEZIONI REGIONALI
I sondaggi mi danno al 42% ma se la Lega non mi vuole a Benevento, figuriamoci in Regione. Ho chiesto di fare le primarie di centrodestra e non mi hanno ascoltato, qui al Sud valgono i candidati non i diktat di partito. Nel mentre sto alla finestra, mi faccio i fatti miei”. 

Mastella ed il GOVERNATORE USCENTE
De Luca non ha fatto male, anzi. E la gente lo sa. Voto disgiunto, crisi grillina, basi per un nuovo governo del governatore uscente“. 

Mastella, il MOVIMENTO 5 STELLE ed il PD
I movimenti accendono il fuoco che poi col tempo si spegna e resta la cenere. I grillini sono in erosione irreversibile e non ne verranno più fuori. Unica possibilità è portare il movimento nel Pd. Di Maio è lo zitello di Salvini che l’ha tradito ed ora protesta contro il governo di cui fa parte“. 

Mastella ed il GOVERNO
Rischia grosso sulla prescrizione che è incostituzionale: lo dicono tutti i procuratori generali e la giustizia è un ostacolo complicato. Il mio processo durò dieci anni per poi essere assolto. Venni accusato con mia moglie delle peggiori nefandezze, il mio partito come un’associazione a delinquere“.

Mastella e i VITALIZI…
Sui vitalizi li ho fottuti. Siccome avevano sbagliato i conti e avevo pagato molti più contributi del dovuto, ora me li stanno restituendo. Lo prendo come un piccolo risarcimento…“.