Tempo di lettura: 2 minuti

Si è tenuta questa mattina presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Benevento, la conferenza stampa indetta per illustrare gli sviluppi delle indagini sul furto, con relativo decesso, di un 83enne di Montesarchio che ha poi aperto scenari allarmanti ed ancora da risolvere. E’ stato arrestato questa mattina Paolo Spitaletta, 49enne di Tocco Caudio, già con precedenti penali. Presenti il procuratore Aldo Policastro, il comandante provinciale dei Carabinieri Alessandro Puel, il comandante dei Carabinieri di Montesarchio, Leonardo Madaro e il Maggiore Alfredo Zerella. 

Il procuratore Policastro si è soffermato sull’intervento di questa mattina che ha portato all’arresto di un 49enne: “Attraverso una impeccabile conoscenza del territorio e grazie ad un lavoro di squadra, abbiamo arrestato un altro elemento coinvolto nel delitto del cittadino di Montesarchio. Numerose le perquisizioni effettuate sul territorio caudino, teatro da tempo di numerosi episodi con arma da fuoco. E’ altamente probabile che il 26enne scomparso sia complice del 49enne arrestato in mattinata. Al momento non risultano altri coinvolti, al momento crediamo che a colpire l’anziano con un pugno sia stato proprio il 26enne. Di una cosa siamo certi: nonostante una complessa attività di indagine saremo ricostruiremo la vicenda in tempi brevissimi”

Il comandante Puel, tiene a fare i complimenti alla magistratura: “Ha operato in maniera egregia, tutte le forze dell’ordine sono state efficienti ed abili a garantire sicurezza al cittadino. A loro va il mio ringraziamento pubblico”. Il Maggiore Zerella ha invece messo in risalto la complessità delle indagini: “Sono state estremamente difficili, soprattutto per la mancanza di testimoni. L’orario notturno e la mancanza di videosorveglianza hanno fatto il resto. L’attività è stata complessa, incentrata sui tabulati telefonici che ci hanno dato la possibilità di ricostruire l’intera vicenda”.