Tempo di lettura: 2 minuti

[dropcap][/dropcap]Sant’Agata de’ Goti (Bn) – Prima una lunga riunione tra amministratori locali e parlamentari, quindi l’impegno a portare avanti una battaglia comune, infine la “liberazione” dell’aula consiliare del Municipio. È stato un altro pomeriggio intenso a Sant’Agata de’ Goti dove prosegue la mobilitazione del comitato civico “Curiamo la Vita”. 

Attorno a un tavolo, a palazzo San Francesco, i sindaci di Sant’Agata, Limatola, Airola, Bonea, Frasso Telesino, Dugenta e i deputati del Movimento 5 Stelle Pasquale Maglione (che si era preso l’incarico questa mattina di chiamare i sindaci del comprensorio) e Angela Ianaro e il responsabile organizzativo di Forza Italia, Leonardo Ciccopiedi. In questo momento è in fase di stesura un documento di chiusura della riunione contenente gli impegni assunti e le azioni da portare avanti. In particolare, martedì, nel corso dell’assemblea dei sindaci sanniti, sarà formalizzata la proposta di una deroga al Piano Ospedaliero per consentire il mantenimento del Pronto Soccorso del Sant’Alfonso cosi come la postazione Saut di Limatola. Proprio in questa ottica, contrariamente a quanto previsto, domani l’ambulanza continuerà a operare da Limatola e non da Sant’Agata. 

L’aula del Comune occupata, intanto, è stata liberata dai manifestanti. “Ma solo per consentire la ripresa delle attività del Comune e dei dipendenti. Resteremo vigili fino a che non giungeranno notizie certe” – fanno sapere dal comitato “Curiamo la vita”.