Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – La sosta dovuti agli impegni delle Nazionali ha fatto inevitabilmente calare l’attenzione sul campionato. Un’occasione per tirare il fiato, in attesa di immergersi nei prossimi impegni e in un calendario che si farà fitto e complicato per il Benevento. A tornare in auge, allora, è stato prepotentemente il mercato in vista della sessione invernale che scatterà il 2 gennaio per concludersi il 31 dello stesso mese.

Il direttore sportivo Pasquale Foggia prende nota e appunti, iniziando a ponderare le prossime mosse per puntellare un organico capace di occupare la prima posizione dopo sette giornate. Non ci saranno di certo stravolgimenti, ma i giusti e mirati interventi per provare a raggiungere l’obiettivo della serie A.

Tra i possibili rinforzi, al netto di partenze di dovute a eventuali musi lunghi per uno scarso minutaggio, potrebbero esserci un terzino sinistro che permetta a Letizia di tirare il fiato e che ne rappresenti l’alternativa e un attaccante da inserire in una batteria che attualmente comprende tre pedine, costringendo Inzaghi a puntare sulla duttilità di Insigne all’occorrenza.

Eppure tra i primi nomi che iniziano a circolare c’è quello di un giovane centrocampista. Stando a quanto si vocifera negli ambienti della Capitale, la Strega starebbe sondando il terreno per Alessio Riccardi. Il talento della Roma stava per essere ceduto alla Juventus in estate, facendo insorgere i tifosi giallorossi. Scampato il “pericolo“, adesso Riccardi potrebbe essere mandato a maturare esperienza in B e sulle sue tracce ci sarebbero il Benevento, per l’appunto, e il Crotone.

Pasquale Foggia, però, dovrà risolvere anche altre questioni. Da febbraio, infatti, saranno sette i giallorossi che potranno accordarsi con altre squadre in virtù di un contratto che, attualmente, scade nel giugno 2020. Definito il prolungamento di Letizia, le situazioni più spinose sembrerebbero riguardare gli attaccanti Coda e Armenteros. Trattative in corso con Massimo Volta, nel cui contratto è però presente un’opzione per estendere di un altro anno l’accordo. Un solo anno di contratto, inoltre, per i portieri Manfredini e Gori e per i due terzini destri Maggio e Gyamfi. Tanto lavoro, insomma, per il direttore sportivo Pasquale Foggia che può iniziare a scaldare i motori in vista di gennaio.