Il presidente della Corte Costituzionale: “L’articolo 97 conta più di quanto si pensi” (VIDEO)

Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Un evento importantissimo che ha meritato la presenza delle più alte cariche civili e militari. La presenza del presidente della Corte Costituzionale, Giorgio Lattanzi, ha chiamato a raccolta tutti per parlare di un tema di assoluta importanza, l’articolo 97 della Costituzione italiana, quello dedicato alla Pubblica amministrazione. Il tema del convegno organizzato dal Prefetto di Benevento era proprio incentrato sulla capacità degli enti nell’Italia contemporanea. Un primo incontro, con tanto di chiacchierata e caffè, in Prefettura, poi il drappello composto dal presidente della Corte Costituzionale, dall’Avvocato Generale dello Stato Massimo Massella Ducci Teri, dal sindaco Mastella, dal presidente della Provincia Di Maria e dal padrone di casa, il Prefetto Cappetta, si è spostato nell‘auditorium San Vittorino dove, ad attenderli, c’erano tanti alunni, altre autorità e sindaci dei comuni.

Concordi Lattanzi e Cappetta: “Spesso ci si ferma alla prima parte della Costituzione italiana e si dimentica che esiste una seconda parte ancora più interessante, perchè riguarda proprio i cittadini. La seconda parte è fondamentale. L’articolo 97 è più importante di quanto si immagini. Un esempio è lo spoil system con i limiti posti dalla Corte ed è di quello di cui voglio parlare. La Pubblica amministrazione è il referente quotidiano del cittadino“.

Di Maria, nel suo indirizzo di saluto, ha sottolineato le straordinarie difficoltà in cui versano da qualche anno a questa parte gli Enti Locali a causa di una legislazione contraddittoria, che intacca proprio i princìpi dell’Art. 97; e a causa di una carenza sempre più grave di risorse umane negli Uffici e finanziarie nei Bilanci.

E’ quasi impossibile erogare i servizi da parte di Enti pubblici quali le Province, che si sono visti cancellati i trasferimenti da parte dello Stato e dimezzato il personale, ai sensi della Legge Delrio che rimanda le sorti degli Enti ad un futuro referendum. E’ assurdo che dalla sera alla mattina le Comunità Montane abbiano visti bloccati i trasferimenti erariali. E’ impossibile che i piccoli Comuni di area montana possano lavorare letteralmente senza personale. In queste condizioni è arduo attuare nel concreto i principi sanciti dall’Articolo 97 della Costituzione che comanda l’efficienza della Pubblica Amministrazione”. Di Maria ha quindi rivolto un appello al Presidente della Corte Costituzionale perché si pronunci nelle sua sede di competenza su queste problematiche.