Tempo di lettura: 2 minuti

Cosenza – Domani il suo Cosenza farà tappa al Ciro Vigorito per confermare la buona prestazione messa in campo contro il Frosinone. Mister Marco Zaffaroni ha presentato il match in conferenza stampa prima della partenza per il Sannio. Di seguito le sue dichiarazioni: 

Assenze – “Adesso abbiamo l’ultimo allenamento per verificare le ultime cose. Non saranno convocati Vaisanen, Boultam e Pandolfi che non faranno parte del gruppo che affronterà la trasferta. Tutti gli altri sono a disposizione”. 

Benevento – “E’ una delle squadre importanti di questo campionato, ha dei valori singoli ottimi per questa categoria. E’ una squadra completa che ha tante soluzioni sia per qualità che per quantità. E’ una delle candidate a tornare in serie A, quindi è logico che l’impegno sarà difficile ma noi vogliamo fare tutte le cose possibili per ottenere un risultato positivo giocandocela come abbiamo sempre fatto. Dobbiamo mettere in campo sacrificio e umiltà provando ad aumentare la qualità”.

Turnover – “Guarderò gara per gara ma certamente in rapporto ai giocatori che avremo a disposizione ci sarà il più possibile una distribuzione di energie. Nel calcio moderno non si può più parlare di titolari o riserve. I cambi sono cinque e vanno distribuiti equamente, soprattutto in un periodo come questo che è micidiale sul piano del calendario”. 

Finale di gara – “Il discorso va confinato alla partita in sé. Ci sono partite in cui vai in vantaggio e la squadra avversaria si riversa nella tua metà campo puntando tutto sul forcing finale. Quel tipo di gare offrono opportunità a campo aperto e nell’ultima partita ne abbiamo avute tante. Vanno sfruttate le opportunità per chiudere la partita quando capitano queste situazioni”.

Ballottaggio – “Domani partirà titolare Caso, anche per un discorso fisico. Millico si è allenato tutta la settimana ma viene da un periodo di stop”. 

Tifosi – “Il loro seguito è un grande valore aggiunto, oltre ad essere una grande responsabilità per noi. Come ho detto sempre non dobbiamo mai sbagliare la gara dal punto di vista di atteggiamenti e comportamenti. Per rispettare questa passione che c’è bisogna metterci l’anima, poi giochiamo contro una squadra forte e quindi non so quale sarà il risultato. Ciò che dobbiamo fare è rispettare questa passione dando tutto ciò che abbiamo”.