Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – “Intendiamo esprimere con tutto il cuore la totale solidarietà a tutti i sindaci, agli amministratori comunali ed alle comunità della Campania dove ci sono stati casi di cittadini positivi al virus Covid-19 ed in particolare a tutti i comuni campani che solo in questi giorni sono usciti o stanno uscendo dallo stato riconosciuto di cosiddetta “Zona Rossa”, afferma il presidente di ANPCI Campania, Zaccaria Spina, in una nota a firma anche del vicepresidente nazionale ANPCI, Arturo Manera.

“Il pericolo – dichiarano Spina e Maneraè ancora dietro l’angolo,  ma a tutt’oggi la nostra Regione, nonostante le premesse pessimistiche di tanti, sta reggendo e limitando criticità e drammi che comunque anche qui, come altrove, in modo quasi fisiologico, si sono dovuti annoverare”.

“L’improvvisa (ed inaspettata) comparsa sul territorio nazionale del virus Covid-19, che fino a poco tempo fa si confidava fosse confinato nella lontana provincia cinese di Hubei, e la sua rapidissima diffusione tra la popolazione ha determinato – ricordano le due cariche ANPCI – l’immediata necessità di assumere provvedimenti urgenti finalizzati a contrastare il più possibile il contagio tra le persone, anche a costo di sacrificare temporaneamente alcuni diritti fondamentali costituzionalmente garantiti”.

“Ci sarà – dicono Spina e Manera – una fase 2 e poi ulteriori fasi da affrontare che,  ad  oggi, appaiono incerte e piene di dubbi.  Le nostre comunità, per usare un linguaggio attuale, si trovano come in una terapia intensiva da cui si potrà uscire con la morte oppure con un riavvio verso la guarigione”.

“Sarà un processo delicatissimo in cui ANPCI Campania, in linea con ANPCI Nazionale,  cercherà di essere presente senza far mancare vicinanza e sostegno ai sindaci, amministratori comunali e popolazione dei comuni di minori dimensioni”, concludono il Presidente ANPCI Campania ed il Vicepresidente nazionale ANPCI.