Tempo di lettura: 2 minuti

Cerreto Sannita (Bn) – Dopo aver dato un contributo economico per andare incontro alle difficoltà delle parrocchie e un ulteriore contributo per le persone e famiglie in difficoltà, il vescovo diocesano mons. Domenico Battaglia ha disposto, in questo momento così delicato per tutti, un fondo speciale di € 60.000 a sostegno delle piccole imprese della nostra Diocesi che fanno più fatica a ripartire, dopo la chiusura a causa dell’emergenza Covid-19. Lo ha annunciato il direttore della Caritas diocesana don Pino Di Santo, indicando che si tratta di fondi 8×1000 erogati straordinariamente dalla Conferenza Episcopale Italiana per situazioni di reale difficoltà dovute all’emergenza Covid-19. “La scelta – spiega il direttore della Caritas diocesana – di costituire un fondo di solidarietà a favore delle micro imprese, per arginare gli effetti della crisi economica in atto e per cercare di dare qualche risposta alle nuove forme di disagio socio-economico, è espressione dell’impegno della nostra chiesa locale a rimanere radicata nella propria storia attraverso una più reale e concreta condivisione. Investire in solidarietà è, soprattutto oggi, un segno importante, la via privilegiata per dare un po’ di ristoro alla nostra gente e rinfrancarla dalla fatica quotidiana”.

La richiesta per accedere al “fondo di solidarietà” deve essere inviata all’indirizzo mail [email protected] entro e non oltre il 31 luglio 2020. Ad ogni impresa sarà stabilito un sostegno economico anche a parziale copertura dell’importo richiesto per il pagamento di:

  1. Affitti degli immobili
    b. Utenze
    c. Tasse e/o rate erario in sospeso
    d. Rata mutuo
    e. Acquisti specifici per la ripartenza dell’attività
    f. Costi specifici per eventuale chiusura attività
    g. Altre spese

La Caritas diocesana si impegnerà a contattare direttamente i titolari delle imprese che ne faranno richiesta. Il contributo sarà erogato esclusivamente a mezzo bonifico bancario a seguito della presentazione della documentazione giustificativa (fatture, bollette, contratti, ecc…). In fase di esamina dell’istanza, per stabilire la deliberazione del contributo, potranno essere richiesti documenti aggiuntivi.