Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona – Tre punti. Tre sole lunghezze dividono il Benevento dalla matematica promozione in serie A. Se il ritorno nel massimo campionato appariva una formalità prima, lo è ancora di più dopo l’ennesimo successo della corazzata giallorossa. Gli uomini di Pippo Inzaghi, dopo tre mesi e mezzo di stop, ripartono da dove avevano lasciato: vincendo. La capolista sbanca anche lo “Zini” di Cremona capitalizzando al meglio il gol di Insigne, al sesto centro in sette partite, a testimonianza di un magic moment che non si è esaurito durante il periodo di inattività. Nove partite a disposizione per conquistare gli ultimi tre punti, poi non ci sarà più nulla da dire; poi sarà il tempo della festa e di altri record da frantumare.

La partita – Schieramenti speculari per i due tecnici, entrambi si affidano al 4-3-3. A guidare l’attacco della Cremonese sono gli ex Ceravolo e Parigini; Inzaghi sceglie invece a Moncini, supportato da Improta e Kragl. In un inizio al piccolo troppo, il primo brivido lo regala un’indecisione di Ravaglia non sfruttata dal Benevento. Scampato il pericolo, i padroni di casa salgono in cattedra guidati proprio da Ceravolo. La “Belva” ci prova in due occasioni (la seconda mettendo a sedere Volta) ma trovando sempre sulla sua strada un attento Montipò. Il primo guizzo del Benevento porta la firma di Moncini, stop e girata immediata dell’attaccante: palla di poco a lato. Il primo tempo, di fatto, è tutto qui.

La musica cambia nella ripresa. Alla prima vera occasione la capolista sblocca il punteggio. Lo stop sbagliato di Moncini si trasforma in un assist per Insigne, sinistro a giro dal limite e Ravaglia è battuto. I grigiorossi provano a reagire con una punizione di Parigini, Montipò blocca in due tempi. La fatica inizia a farsi sentire e le squadre si allungano. Un lancio lungo mette Improta a tu per tu con Ravaglia, bravo il portiere a neutralizzare. Mancato il raddoppio, il Benevento stringe i denti e serra i ranghi nel finale. Dopo un tiro di Deli alto di poco, il bunker sannita regge l’urto e il frigo inizia a riempirsi di champagne. La matematica sta per arrendersi.

Cremonese-Benevento 0-1

Rete: 6’st Insigne

Cremonese (4-3-3): Ravaglia; Bianchetti, Ravanelli, Terranova, Crescenzi; Kingsley (1’st Deli), Castagnetti (20’st Palombi), Valzania; Parigini (37’st Mogos), Ceravolo (20’st Ciofani), Gaetano (32’st Celar). A disp.: De Bono, Volpe, Claiton, Arini, Gustafson, Boultam, Zortea. All.: Pierpaolo Bisoli

Benevento (4-3-3): Montipò; Maggio, Volta, Caldirola, Barba; Hetemaj (32’st Del Pinto), Schiattarella, Tello; Kragl (35’pt Insigne), Moncini (32’st Coda), Improta (39’st Tuia). A disp.: Manfredini, Gori, Rillo, Basit, Gyamfi, Di Serio, Sau. All.: Filippo Inzaghi

Arbitro: Luca Massimi di Termoli

Assistenti: Gamal Mokhtar di Lecco e Daniele Marchi di Bologna

Quarto uomo: Lorenzo Maggioni di Lecco

Ammoniti: Kingsley, Bianchetti per la Cremonese, Schiattarella, Volta per il Benevento

Note – Recupero: 3’pt, 6’st. Angoli: 5-2 per la Cremonese. Fuorigioco: 3-2 per la Cremonese.