Tempo di lettura: 2 minuti

Il diritto allo studio come punto centrale della rieducazione dei detenuti. Questo il tema centrale dell’incontro organizzato a Cusano Mutri dalla USAcli di Benevento e dalle loro consigliere Imma Petrillo e Patrizia Lavorgna.

Tanti i momenti di riflessione a cominciare dal ruolo del Polo Universitario Penitenziario della Federico II, al servizio dei detenuti in una location dal valore anche simbolico come la casa circondariale di Secondigliano-Scampìa.

Il Polo, istituito nel 2018 dall’allora Magnifico Rettore Gaetano Manfredi, fa emergere la possibilità di iniziare proprio dall’interno del carcere un percorso di recupero e riscatto in un’area che sembra non poterne avere. Lo studio universitario dei padri reclusi può essere considerato dai propri figli un importante tentativo di riscatto dalle vicende che li hanno condotti ai luoghi di detenzione. L’Università, oltre a diffondere e costruire sapere, deve svolgere un ruolo importante nella diminuzione delle disuguaglianze e dell’esclusione sociale.

Attualmente è in corso di organizzazione il Polo Universitario Penitenziario per le donne presso la Casa Circondariale di Benevento, che ospiterà circa 50 studentesse provenienti da istituti italiani attraverso un interpello nazionale. Sarà il primo Polo femminile in Italia.
Il Dipartimento di Architettura della Federico II sta elaborando il progetto di un nuovo corpo che sarà costruito nell’area della detenzione femminile destinato alle aule e ai bisogni del Polo.

La discussione sui diritti, le opinioni, le proposte e le riflessioni, ha coinvolto il garante dei detenuti di Napoli Pietro Ioia, la senatrice Cinzia Leone vice presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, la collaboratrice della garante dei detenuti di Caserta Patrizia Sannino, i rappresentanti del mondo sportivo Nicola Fetto, Flavio Russo, Carmela Chiacchio e il professore Luigi Esposito della Federico II candidato per Europa verde-Verdi a Benevento a sostegno della colizione ArCo e del candidato sindaco Angelo Moretti.

Il Polo Universitario Penitenziario della Federico II, coordinato dalla professoressa Marella Santangelo delegata del Rettore, è nato nel 2018 ed è al quarto anno di attività, gli studenti sono circa 70 divisi tra i diversi corsi di Laurea.

Sono coinvolti nel PUP 8 Dipartimenti e attivi 9 Corsi di Laurea: Sviluppo sostenibile e reti territoriali, triennale; Giurisprudenza, ciclo unico, CdL in Servizi giuridici, triennale; Sociologia, triennale; Scienze Politiche, triennale; Lettere moderne, triennale; Economia e commercio, triennale; Scienze erboristiche, triennale; Scienze Nutraceutiche, triennale; Scienze gastronomiche mediterranee, triennale.