Tempo di lettura: 2 minuti

San Lorenzo Maggiore (Bn) – Tanta partecipazione e tanta attenzione, la giusta celebrazione del Sommo Poeta nella piazza a lui dedicata a San Lorenzo Maggiore. Ieri pomeriggio, il piccolo centro telesino è stato il teatro di un’interessante conversazione dedicata a Dante. L’occasione era il 700esimo anniversario della sua morte. Tutti affascinati dalla forza delle parole del poeta e dalla sua contemporaneità nonostante, ormai, siano passati tantissimi anni dalla pubblicazione delle sue opere. Un appuntamento del genere meritava un ospite d’onore. In tal senso la presenza del professore Luca Serianni è il miglior biglietto da visita per rendere la manifestazione ancora più conosciuta e riconosciuta. Il docente de La Sapienza ha saputo catturare l’attenzione grazie ai suoi racconti, ha saputi coinvolgere il pubblico presente che gli ha anche tributato la standing ovation. Insomma una figura di rilievo in una manifestazione di rilievo. Ma non c’era solo il prof Serianni, il tavolo presentava altri relatori che hanno dato il proprio contributo alla serata. Saluti iniziali del sindaco Iannotti, del vice presidente della Provincia Lombardi, di Don Ionut Pirtac e del vicepreside dell’Istituto “Sodo” Angelo Perfetto. Sindaco e parroco hanno scoperto la lapide dedicata al Sommo Poeta che sarà installata nella piazza, poi spazio ai relatori. Apertura ai due organizzatori, la professoressa Maria Filippelli e il professor Luciano Di Libero. Spazio centrale per il professore Serianni e poi, in successione, la dottoressa Ruggiero (associazione Dante), la professoressa Nifo (presidente del Corso di Laurea magistrale di Giurisprudenza dell’Università degli Studi del Sannio), laurentina doc, e infine il professor Antonello Santagata e la dottoressa Maria Pia Selvaggio.

Ogni intervento è stato preceduto dalla lettura di versi di Dante ed è stato fattivo l’intervento dei ragazzi dell’Istituto Sodo e dell’associazione Lamparelli.

San Lorenzo Maggiore è ripartita dalla cultura per un evento che ha riportato la gente in piazza, gli ha regalato il sapore di racconti, esperienze e curiosità. Il modo migliore per tornare a respirare aria di normalità.