Tempo di lettura: 3 minuti

E’ una Nunzia De Girolamo ancora claudicante, dopo lo sgambetto ricevuto nella lunga notte delle liste, quella intervenuta questa mattina, durante la trasmissione televisiva di La7, Coffee Break . La prima domanda del conduttore è sulle condizioni di salute del suo leader dopo il caos liste:  “Come sta Berlusconi?: “Berlusconi sta molto bene – risponde la deputata forzista sannitaè soltanto stanco. Fare le liste, le discussioni, badare agli sgambetti dell’ultimo momento sono semplici postumi post liste elettorali – e aggiunge – ci sono persone fuori dalle liste e lui è dispiaciuto di questo, soprattutto per coloro che non ha potuto ricandidare, per qualche giochetto fatto all’ultimo momento da qualcun altro”.

Chiaro il riferimento alla vicenda dello scavalcamento inaspettato in Regione Campania e non solo. L’onorevole sembra, però, aver superato la batosta e pronta a tuffarsi nella sua nuova avventura in una delle roccaforti rosse: “Ora sono orgogliosamente candidata in Emilia, a Bologna. Rappresenterò quella terra comunque vada. Ho fatto un patto con gli emiliani: sebbene sia una donna del Sud mi occuperò di loro per sempre come rappresentante di quella terra. Ho un treno sabato e andrò alla manifestazione di apertura della campagna elettorale con la senatrice Bernini. E devo dire che sono contenta di andare a sfidare l’uomo della banche, Pierferdinando Casini, il complice per eccellenza di Renzi, di Etruria e della sinistra spaccatissima e divisissima.”

De Girolamo insiste: “Sono molto curiosa di vedere cosa farà Prodi, se appoggerà il PD o Liberi Uguali. E poi andrò a spiegare agli emiliani, che sono modello di eccellenza imprenditoriale, come si vive in una città amministrata dal Movimento 5 Stelle”.

Non solo attacchi agli avversari e difesa della sua nuova posizione di lista ma anche proposte. Lavoro: “I dati Istat ci hanno dimostrato che è franato il Jobs Act. Il mercato del lavoro è fermo da un mese. Meno occupati per 66.000 persone; nella fascia d’età tra i 35 e i 49 anni abbiamo il disastro perché ci sono 200.000 persone che non lavorano nell’ultimo anno. Hanno fatto una politica del lavoro schizofrenica. Noi vogliamo qualcosa di stabile, con una decontribuzione strutturale e una semplificazione del quadro normativo maassicura l’ex Ministro alle politiche agricolemostreremo i muscoli ai colossi del Web. Devono pagare le tasse in Italia. Lo faremo per difendere le aziende italiane”

Forza Italia è un partito serio – conclude l’onorevole Nunzia De Girolamoinfatti abbiamo già un programma e diciamo cosa faremo per i cittadini italiani. Manteniamo le promesse. Le pensioni le abbiamo già aumentate una volta e se Berlusconi lo dice, lo rifaremo. Sulla Flat Tax abbiamo studiato a lungo. Incideremo sugli sconti fiscali e porteremo una sola aliquota. Flessibilità e cambio di lavoro diventeranno un valore grazie al supporto dello Stato”.