Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Esauriti i festeggiamenti per i novanta anni della Strega e goduto di alcuni giorni di riposo concessi da Inzaghi, il Benevento è tornato a fare sul serio ieri pomeriggio. La sosta per gli impegni delle nazionali ha permesso allo staff tecnico giallorosso di limare la condizione del gruppo, recuperare qualche pedina e ultimare il processo di inserimento degli ultimi arrivati. Da ieri, invece, si è iniziato a fare nuovamente sul serio. Lunedì prossimo il Benevento tornerà in campo e lo farà nel derby dell’Arechi contro la Salernitana di Gian Piero Ventura. I granata viaggiano a punteggio pieno dopo due giornate ma, soprattutto, hanno ritrovato quell’entusiasmo che i risultati negativi delle ultime stagioni avevano spento.

Sarà un derby impegnativo per i sanniti e Inzaghi, che pregusta il sorpasso in classifica ai danni dell’ex commissario tecnico, non lascerà di certo nulla al caso. La formazione di partenza non dovrebbe discostarsi molto da quella ammirata a Pisa e in casa contro il Cittadella. La difesa davanti a Montipò dovrebbe essere confermata, spazio dunque a Volta e Caldirola con Maggio e Letizia sulle corsie laterali. Dubbi cancellati anche in attacco, dove la coppia CodaSau gode della fiducia del tecnico. Gli interrogativi, allora, riguardano prettamente il centrocampo e tutto ruota intorno alla posizione di Tello.

Esterno o centrale? E’ di fatto questo il dilemma che dovrà sciogliere Inzaghi nei prossimi giorni. Con il colombiano al fianco di Viola, sulle corsie laterali dovrebbero trovare spazio Improta a sinistra e Insigne a destra. Viceversa, se l’ex Juventus dovesse essere dirottato su una delle due fasce (a Pisa ha giocato a destra con scarsi risultati, col Cittadella è partito da sinistra) a scaldare i motori sarebbe il finlandese Perparim Hetemaj, arrivato a fine mercato dal Chievo. Inzaghi dovrebbe dunque andare sul sicuro per il match di Salerno, per gli esperimenti ci sarà tempo considerando un calendario fitto che imporrà alla Strega di giocare 5 partite in venti giorni prima della seconda sosta stagionale.