Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Si è tenuto questa mattina, presso l’Università Giustino Fortunato, il convegno celebrativo “A settant’anni dalla Dichiarazione Universale dei Dirtti dell’Uomo”, proclamata  il 10 dicembre del 1948 a Parigi. Ospite d’onore dell’incontro il Presidente dell’Associazione delle Istituzioni Culturali italiane, l’On. Valdo Spini, il quale ha spegato storicamente la battaglia che ha condotto a questo grande risultato e ha illustrato il concetto di “globalizzazione”, definendola come “vincoli di spazio e di tempo del processo economico, che hanno creato unificazione. Si pensava che la globalizzazione avrebbe migliorato le condizioni di vita dei ceti medi anche nei paesi maggiormente sviluppati, ma ciò no è avvenuto. – Infine, l’On Spini ha aggiunto– Oggi siamo di fronte a fenomeni di irrigidimento, con effetti negativi dal punto di vista non solo civile e umano, ma anche economico e sociale di un mondo in cui non si riescono ad evitare guerre e violenze senza fine”.

Presente al convegno anche il docente di Economia e Storia Finanziaria dell’Unifortunato, prof. Ennio De Simone, che ha affermato: “La dichiarazione Universale dei Dirtti dell’Uomo è continuamente minacciata e, per questo, va continuamente difesa, proclamata poichè non è attuata in tutti i paesi mondiali”.

In paesi avanzati come il nostro la violenza contro gli immigrati è un tema centrale, su questo è in disaccordo il sindaco Clemente Mastella che ancora una volta esprime la sua idea di accoglienza rigorosa attraverso l’integrazione. Un momento di forte riflessione con le parole del comandante provinciale dei Carabinieri, Alessandro Puel il quale ha asserito: “I diritti sono stati conquistati con impegno e sacrificio, e allo stesso modo devono essere difesi poichè oggi esistono mezzi subdoli per sottrarci alle libertà fondamentali”.

Dunque un tavolo pieno di esperti intervenuti a questo evento il Presidente Comitato L.I.D.U. Benevento, avv. Luigi Diego Perifano,  il Vicario del prefetto Cappetta, dott.ssa Ester Fedullo, con l’interessata partecipazione degli studenti del Liceo Scientifico Gaetano Rummo di Benevento.