- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Un acceleratore di cultura, formazione e innovazione che opera come strumento al servizio della società, mettendo in connessione l’Italia e il mondo. C’è tutto questo all’interno del WMF 2024, la fiera Internazionale e Festival dell’Innovazione cominciato oggi in Emilia Romagna all’interno degli spazi di BolognaFiere.

Tre giorni con oltre 100 eventi e un formato che unisce l’area fieristica, la formazione, incontri B2B, networking, cultura, concerti, show e intrattenimento.

Le eccellenze di settore che si incontrano in una stessa area per condividere esperienze, accrescere la propria e soprattutto far conoscere l’eccellenza. E proprio in termini di eccellenze, il Sannio è stato protagonista con due aziende e un manager: il gruppo Enzo Rillo con la presenza di Domenico Russo, IT manager, Digital Solutions, agenzia di web marketing e il dottor Nicola Formichella, CEO del gruppo BFC che gestisce Forbes Italia.

Al centro delle discussione l’innovazione tecnologica e tutti i campi nei quali questa può essere sfruttata e il futuro dell’editoria. Due temi importanti che sono anche interconnessi perchè lo sviluppo dell’uno può rappresentare il mezzo di esplosione per l’altro. Soprattutto quando si parla di editoria, un mondo che tenta di staccarsi dal passato per essere al passo coi tempi.

Su temi del genere, le tre eccellenze sannite hanno rappresentato il giusto esempio, soprattutto in termini di investimenti e lungimiranza, da poter riproporre sul territorio nazionale e non solo.

Il Gruppo Rillo, come la Digital Solutions e BFC sono l’emblema di come menti brillanti, alle spalle di un marchio, possano riuscire a trasformare quello che era solo un sogno in una realtà consolidata, duratura e proiettata al futuro.