Elezioni, candidati e Consiglio dell’ordine dei medici a confronto

Tempo di lettura: 2 minuti

Questa mattina, il presidente Giovanni Ianniello ed il Consiglio dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Benevento hanno incontrato i candidati rappresentanti il nostro territorio alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, alla Camera ed al Senato.

Hanno preso parte all’incontro che si è tenuto presso la sede dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed odontoiatri di Benevento: Sandra Lonardo e Fernando Errico per Forza Italia; Umberto Del Basso De Caro, Giulia Abbate e Carmine Valentino per il Partito Democratico; Danila De Lucia per il Movimento  Cinque Stelle; Assunta Mele per la Civica Popolare; Ida Santanelli e Anna Maria De Vanna – Fratelli d’Italia; Pinuccio Fappiano e Raffaella De Vita per Potere al Popolo, infine, Amerigo Ciervo per Liberi e Uguali.

Nel corso della giornata sono state affrontate le tematiche relative al depotenziamento dell’Azienda Ospedaliera Rummo, paventato nel Decreto n°8 “Piano  Regionale di Programmazione della Rete Ospedaliera ai sensi del DM 70/2015 2016-2018”, pubblicato sul Bollettino Regione Campania N°13 del 12/2/2018, del ruolo dell’istituendo Polo Oncologico presso il P.O di  Sant’Agata dei Goti,  della riduzione dei posti letto all’Ospedale Sacro Cuore di Gesù di Benevento e del depotenziamento da pronto soccorso a punto di primo intervento dell’Ospedale di Sant’Agata dei Goti.

Altre problematiche sottoposte all’attenzione dei candidati hanno riguardato le difficoltà dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta causate dall’enorme carico burocratico e dai vincoli normativi che privilegiano l’aspetto  economico su quello assistenziale.

Tra le  questioni di carattere nazionale particolare attenzione è stato posto al  problema del sottofinanziamento della Sanità in Campania nei confronti delle regioni del Centro-Nord.

A tutto oggi la Campania  è la Regione  che riceve la quota minore di trasferimenti pro capite tra tutte le regioni d’Italia, con ovvie ricadute sui livelli assistenziali.

Si  è, infine, discusso del nuovo ruolo degli Ordini dei Medici, chiamati ad agire come  organi Sussidiari dello Stato nel perseguimento dei valori costituzionalmente garantiti per la   tutela della salute come fondamentale diritto e interesse della collettività.