Tempo di lettura: 2 minuti

Caserta – Sei giovani neolaureati che hanno deciso di non rimanere con le mani in mano ma far fruttare il percorso di studi. Il mondo del lavoro è, spesso, impietoso, specie per chi esce dagli atenei carico di speranze ma, poi, deve fare i conti con la realtà. E allora conviene rimboccarsi le maniche e tentare di fare da soli, sfruttando la proprie iniziativa e le proprie idee. Così in sei di loro, tutti campani, hanno deciso di mettersi in modo creando una start up. Tre sono di Caserta, due di Benevento e uno di Napoli. La sede fisica, per ragione di maggioranza è proprio a Caserta. Il nome: Favori in Rete.

Si tratta di uno strumento digitale in grado di “aiutare le persone ad aiutare ed aiutarsi”. Tutti laureati in diversi corsi che vanno dalla scienza del servizio sociale, all’ingegneria, all’informatica, fino all’economia. Per questo i sei ragazzi si sono imposti la volontà di creare una piattaforma che possa garantire i servizi alle persone, dare lavoro e creare cittadinanza attiva. Favori in Rete  si fonda proprio sui “favori”: creare un sistema moderno per richiedere e offrire il proprio aiuto tramite una piattaforma automatica nella quale inserire domane e offerte di favori, appunto, una qualsiasi azione quotidiana che non richiede particolari competenze e che può essere svolta in qualche ora. La mission è chiara: creare uno stile di vita collaborativo, offrire aiuto alle persone per fare fronte a piccole incombenze senza dover fare riferimento a servizi e attività commerciali, creare un tornaconto, anche economico, specialmente per le persone che sono difficilmente piazzabili nel mondo del lavoro, creare cittadinanza attiva. Insomma l’idea è creare una rete, fare un favore a chi non può permetterselo, con la speranza che la situazione cambi e che possa essere ricambiato in futuro.