Tempo di lettura: 2 minuti

Si terrà sabato a Benevento un flash mob per chiedere il ritorno a scuola per tutti gli alunni. A organizzarlo, si legge dal manifestino dell’iniziativa, è il comitato #rifugiatididattici:

“Richiedenti asilo… elementari, medie e superiori. Bambini e e bambini campani rifugiati didattici.

L’anomalia campana: da marzo ad oggi le giovani generazioni campane hanno frequentato la scuola 15 giorni. 15 giorni in 7 mesi. Per i restanti giorni ci sono state per loro DAD al 100%, allerte meteo, chiusure elettorali.

La Campania è l’unica regione d’Italia, unico caso in Europa, a tenere chiuse le scuole di ogni ordine e grado, procedendo a passi spediti verso una catastrofe educativa, ordinanza dopo ordinanza. La continua altalena tra dichiarazioni e ordinanze contraddittorie ha fatto perdere ogni credibilità alle istituzioni, oltre che escludere le giovani generazioni campane dall’accesso al diritto inalienabile all’istruzione. Decretare un ulteriore confinamento digitale senza sentire l’urgenza, etica prima che politica, di supportare la decisione con motivazioni chiare ed inoppugnabili ci sembra indegno e inaccettabile.

Per questo sabato saremo nelle strade.

Perché vogliamo che finisca questo conflitto tra le istituzioni giocato improvvisando sulla nostra vita.

Perché vogliamo che siano resi pubblici i dati dello screening “Scuola sicura”. Il prolungamento della didattica a distanza non è il rimedio, ma piuttosto il veleno: acuisce le disuguaglianze, aggrava le lacune educative, acuisce il disagio psicologico.

Perché il momento delle scelte è ora: priorità alla scuola, alla sanità e ai trasporti nella legge di Bilancio. Perché senza scuola non ci sono diritti e non c’è salute!

Il flashmob aderisce alla mobilitazione nazionale indetta da Priorità alla Scuola in coordinamento con i gruppi di Avellino, Benevento e Salerno.

A Benevento l’appuntamento è previsto per sabato 5 dicembre alle ore 11:30 davanti alla Prefettura (Corso Garibaldi, 1). L’iniziativa si svolgerà nel rispetto delle disposizioni anti-Covid”.