- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Si è chiuso idealmente un cerchio per il Benevento 5 ieri tra il primo e il secondo tempo di Benevento-Triestina quando la squadra di mister Centonze e tutto lo staff hanno fatto un giro di campo per ricevere l’applauso dei 6000 del “Ciro Vigorito”, un giusto premio per la storica promozione dei giallorossi in serie A e per il cammino fatto in questi anni. Ne è passata di acqua sotto i ponti dal primo campionato del Benevento 5 nelle categorie regionali per un sodalizio che ha saputo compiere una crescita costante nel corso del tempo fino ad arrivare nel massimo torneo nazionale di calcio a 5.

Il Direttore Generale Antonio Collarile, anema e core della società giallorossa fin dal primo giorno della sua fondazione, è stato caparbio tenendo duro anche davanti a difficoltà che avrebbero spinto molti a mollare. Insieme a lui hanno sempre fatto parte di questa lunga avventura anche l’attuale presidente Pellegrino Di Fede e Marco Maio, un tris prima di amici e poi di abili dirigenti capaci di raggiungere traguardi inimmaginabili solo qualche stagione fa. Ieri sera alla squadra e all’entourage societario al gran completo, con in testa il presidente onorario Mario Ferraro, tutto lo stadio ha dedicato un lungo applauso intonando il coro che ha riecheggiato tante volte nel finale di stagione al “PalaTedeschi“, un meritato “la capolista se ne va” rivolto ad una squadra che ha vinto la serie A2 Elite arrivando davanti in classifica ad autentiche corazzate. Non finisce certo qui perchè la dirigenza del Benevento 5 è già al lavoro in vista della prossima stagione e sono stati già annunciati alcuni rinnovi, a partire da mister Centonze che sarà l’allenatore dei giallorossi anche nel prossimo anno.