Tempo di lettura: 4 minuti

Benevento – Penultima conferenza stampa del mattino per questa edizione di Benevento Città-Spettacolo. Al Corso Garibaldi, presso l’Honey Bar, con l’intervento come moderatrice della giornalista Alessia Giusti, il direttore artistico della rassegna, Renato Giordano, il gruppo musicale le “Riflessioni” e lo scrittore e saggista Luca Romano hanno ravvivato la mattina presentando il programma serale. Luca Romano ha illustrato i contenuti de “La disfida della par condicio 20 anni dopo”, un saggio che sarà discusso questa sera in piazza Federico Torre. Nel corso dell’incontro con i giornalisti, il direttore artistico della rassegna ha anche commentato l’evento della nottata appena trascorsa, ovvero l’appuntamento al Teatro Romano con l’esibizione a partire dall’una del mattino circa del musicista e cantautore napoletano Peppe Barra e, a seguire, l’esibizione della giovane artista locale Giada Lepore.

Vedere il Teatro Romano illuminato è sempre suggestivo” ha detto Giordano: “E’ andata bene, sono molto contento. E’ stata un’iniziativa molto apprezzata e vedere il Teatro visitato da molti giovani è sempre un piacere. Si è registrato il sold out. Certamente non possiamo farlo tutte le sere, perché questo tipo di appuntamento ha un costo supplementare, ma, d’altra parte, la cittadinanza ha risposto presente. Ringrazio il direttore Ferdinando Creta e i dipendenti del Teatro Romano che si sono mossi affinchè tutto andasse per il meglio. Ringrazio l’Amministrazione comunale che ha sposato le mie idee“. Quindi ha aggiunto: “Benevento deve essere l’epicentro che attiri giovani. Vedo persone che si muovono verso Montesarchio o verso San Giorgio del Sannio. Per carità sono borghi bellissimi, ma Benevento deve tornare ad essere centrale. Noi abbiamo offerto in questi giorni cose divertenti e differenti”. Non poteva mancare però un commento su un appuntamento che ha preceduto di circa un paio d’ore, dunque nella tarda serata di sabato, l’esibizione di Barra e cioé quello di un altro esponente della musica napoletana ed italiana, Massimo Ranieri, il “ragazzo” del Pallonetto di Santa Lucia che ha venduto quasi quindici milioni di dischi e che ha percorso nella sua lunga ed acclamata carriera anche esperienze di attore in televisione, al cinema, in teatro, di doppiatore e persino di ballerino. Giordano ha sottolineato il successo riscosso dal concerto di questa grande voce in Piazza Risorgimento. A Ranieri è stato consegnato ieri sera il Premio Gregoretti, riconoscimento che era stato assegnato già a Gabriele Lavia, grande attore e regista teatrale e televisivo, e a Renzo Arbore, autore radiofonico e televisivo e “mente” di spettacoli di straordinario successo di pubblico e di critica. Giordano ha detto: “Il Premio Gregoretti va sempre a nomi di alto profilo. E Massimo Ranieri era quello ideale”. Chiusa la parentesi  della serata di ieri, il direttore ha elencato gli appuntamenti odierni con piazza d’autore e i tre libri che saranno presentati a piazza Federico Torre e cioé: “Le mie epidemie” di Donato Greco, con una discussione con Francesco Franceschi; a seguire poi Maria Grazia Calandrone con “Splendi come vita” e, come detto, Luca Romano con “La disfida della Par Condicio 20 anni dopo”. Spazio ovviamente al teatro con gli spettacoli di Mariella De Libero e Peppe Fonzo. Quest’ultimo all’Hortus Conclusus con “Maloviento”, mentre appuntamento ai Giardini della Rocca con “L’amico mio” e i testi di Mariella De Libero. Lo spettacolo musicale sarà affidato questa sera ad Eugenio Bennato alle 18 al Teatro Romano e a Enzo Avitabile in piazza Risorgimento alle 22:30. Il direttore ha infine presentato il Music Contest “Talento da Festival  – SpazioConad per la Musica” che si terrà questa sera  alle 22:00 in Piazza Roma. E’ quindi intervenuto Luca Romano che ha dato un anteprima alla presentazione del suo saggio, edito da The Skill Press: “Il volume racconta la nascita della legge che da più di 20 anni caratterizza la comunicazione politica radiotelevisiva nel nostro Paese. Il testo vuole ripercorrere gli  avvenimenti di quei mesi attraverso gli atti parlamentari con il racconto di due protagonisti: il senatore Vincenzo Vita, a quel tempo Sottosegretario alle Comunicazioni e principale promotore della legge, e Giorgio Lainati, allora capo ufficio stampa di Forza Italia“. La mattinata è stata arricchita anche dai contributi musicali del gruppo locale le Riflessioni che si esibirà domani sera in piazza Roma e che oggi hanno proposto due grandi successi: “Piccola Stella Senza Cielo” di Luciano Ligabue e “Destinazione Paradiso” di Gianluca Grignani