Foibe, è il giorno del ricordo. Bosco: “Una grande tragedia italiana”

Foibe, è il giorno del ricordo. Bosco: “Una grande tragedia italiana”

Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Fioravante Bosco, segretario generale aggiunto della Uil Avellino/Benevento, ricorda che oggi è il Giorno del Ricordo che viene celebrato in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle drammatiche vicende del confine orientale negli anni a cavallo del secondo dopoguerra. Istituito per legge nel 2004, il 10 febbraio rappresenta il momento solenne in cui vengono ricordate le migliaia di infoibati e i circa 250 mila profughi giuliani, dalmati e fiumani che furono costretti a lasciare le loro case dopo la firma dei Trattati di Parigi, il 10 febbraio 1947, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro e la maggior parte della Venezia Giulia.

“Quest’anno voglio ricordare i patimenti a cui furono sottoposte le sorelle Radecchi: Fosca aveva 16 anni, Caterina 19 e Albina ne aveva 21. Le sorelle Radecchi furono arrestate dai partigiani slavi nei giorni successivi l’8 settembre 1943, furono trasportate a Barbana, ove furono impiegate come sguattere. – ricorda Fioravante Bosco – In questo periodo furono violentate varie volte, fino a quando si decise la loro eliminazione.”

Secondo la ricostruzione, fra il 2 al 5 ottobre (giorno dell’uccisione) esse furono nuovamente violentate e seviziate dai loro carcerieri. Il corpo di Albina fu trovato con una ferita di arma da fuoco alla testa, a differenza delle sorelle minori che presentavano varie fratture al cranio: ciò lascia intendere che furono gettate nella foiba ancora vive. Le sorelle Radecchi furono trucidate e infoibate a Terli. 

“Celebrare la giornata del Ricordo – continua Boscosignifica rivivere una grande tragedia italiana, per molti decenni dimenticata. Sul territorio italiano la conclusione del conflitto contro i nazifascisti sanciva la fine dell’oppressione e il graduale ritorno alla libertà e alla democrazia. Ma, contemporaneamente, un destino di grande sofferenza – conclude il sindacalista – attendeva gli Italiani nelle zone occupate dalle truppe jugoslave del maresciallo Tito”. 


Scarica la nostra App
Disponibile su Google Play




Commenti