Tempo di lettura: 2 minuti

Senza allarmismi ma con le dovute cautele. E’ la linea di condotta che si è data l’amministrazione comunale di Guardia Sanframondi.

Nel centro del Telesino, come ormai noto, dalla giornata di ieri un 22enne è in quarantena volontaria. Una misura prudenziale seguita anche dai suoi genitori e da sua sorella.

Il ragazzo, infatti, è ritornato lunedì da Milano, dove lavora come militare: guidava l’auto nella quale viaggiava anche la 24enne di Caserta risultata positiva al test per il Coronavirus. Con loro anche la fidanzata di Ruviano del giovane di Guardia.

A monitorare costantemente le sue condizioni, che non destano preoccupazione e per questo non è stato ancora utilizzato il tampone, gli operatori dell’Asl Benevento.

Ma evidentemente anche le istituzioni seguono con particolare attenzione la vicenda. Di pochi minuti fa le prime disposizioni del sindaco Floriano Panza che con la collaborazione del ragazzo ha ricostruito gli spostamenti effettuati nelle ore antecedenti l’inizio della quarantena.

Un lavoro che ha avuto come prima conseguenza l’adozione di un provvedimento rivolto a tutti gli esercenti commerciali del paese: saranno convocati a breve e poi chiamati, entro la giornata di domenica, a procedere con la sanificazione degli ambienti.

Discorso valido anche per gli edifici pubblici. Una ulteriore accortezza è stata utilizzata in vista di una cerimonia funebre in programma questo pomeriggio nella Chiesa di San Sebastiano: le esequie saranno celebrate in forma privata, con l’accesso in Chiesa consentito soltanto ai parenti.

Infine, il Comune ha predisposto un servizio di approvvigionamento viveri per la famiglia, residente in una villetta situata alla periferia di Guardia.