- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

“Domani sera, domenica 16 giugno alle 20.00, l’amministrazione cittadina di Airola scoprirà la targa marmorea di Corso Matteotti in prossimità della Caserma dei Carabinieri. La targa mancava da anni e molti hanno pressato per apporla e scoprila in questa ricorrenza per i 100 anni dal sacrificio dell’Onorevole Matteotti. E’ un gesto importante che manifesta una sensibilità che molti di noi sentono il bisogno di condividere pubblicamente, specie in questo tempo confuso e complesso. Per questo il Partito Democratico fa un plauso a tutti gli amministratori di Airola che hanno accolto la proposta di molti di fare questo piccolo gesto, ricordando Giacomo Matteotti che è stato si un martire della libertà, ma soprattutto è stato vittima di un orrendo delitto politico del fascismo, un regime dispotico e cleptocratico, mortifero, violento e liberticita che trascinò l’Italia nella guerra e nell’abominio razzista. Il suo sacrificio, tenne viva la dignità nazionale negli anni bui del ventennio e tenne viva la speranza di chi non si arrese e liberò l’Italia dalla dittatura nel 1945. Per chi non lo sapesse nel 1925, l’anno in cui moriva Matteotti, la strada fu intitolata a Clino Ricci fascista Padulese. Con l’avvento della Repubblica, la nuova sensibilità portò il nome di oggi. Mancava però la targa. Scoprire la targa oggi è un gesto di sensibilità e soprattutto vuol dire una cosa semplice: mai piu fascismo, mai piu dittatura! Viva la libertà, viva la costituzione antifascista e viva la Repubblica! Evviva Giacomo Matteotti, vittima del più orrendo dei delitti  ed esempio di virtù civili e passione repubblicana”, così in una nota Diego Ruggiero, coordinatore del Partito Democratico di Airola