Immigrati costretti a scendere dai bus nonostante l’abbonamento, la rabbia di Delli Carri

Tempo di lettura: 1 minuto

Benevento – “In questi giorni ho avuto notizia del ripetersi di comportamenti non chiari nei confronti di giovani immigrati sugli autobus di linea urbani. I ragazzi, seppur muniti di regolare abbonamento, sono stati costretti dal personale a scendere dall’autobus o addirittura è stato loro impedito di salire senza neppure verificare se fossero in possesso del biglietto/abbonamento”. Questo l’incipit della nota stampa inviata dalla consigliera comunale di Benevento, Delia Delli Carri.

 

“La vicenda – prosegue Delli Carri – , già denunciata da alcuni cittadini, non solo testimoni diretti ma vittime essi stessi di tali atti (in un caso l’autobus non ha rispettato la fermata per non far salire i giovani) è stata resa pubblica dagli organi di stampa locali. Purtroppo non vi è stata alcuna reazione. Chiedo quindi all’Assessore competente di volersi attivare presso l’Azienda Trotta, perché accerti i fatti contestati e si impegni affinché non si ripetano più. L’iniziativa serve ad evitare che si consolidi un clima di caccia alle streghe che non qualifica la nostra comunità e che nuoce profondamente le relazioni sociali. Attendo fiduciosa una risposta che sgomberi il campo da ogni incertezza sulla corretta e indiscriminata gestione del servizio pubblico”.