Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – La stagione della Forza e Coraggio può ritenersi sicuramente positiva. I beneventani hanno condotto un campionato, con la prima squadra, all’altezza della situazione e solo per un soffio hanno mancato la finalissima play off. Al di là di questo, resta comunque la soddisfazione per la società e la squadra di aver lottato alla pari con tutte, provando a togliersi delle soddisfazioni. Ma per i beneventani non è certo finita qui, perchè una ciliegina sulla torta potrebbe sempre essere messa. E il compito tocca alla formazione juniores di Ezio Liccardi che è arrivata fino in fondo alla Coppa Campania di categoria. Manca l’ultimo atto che si giocherà lunedì alle 17 al Torre di Santa Maria a Vico. L’avversaria dei beneventani è la Vis Afragolese. Gara da provare a vincere nei 90′ e se ciò non dovesse accadere, si andrà direttamente ai calci di rigore.

Sarebbe il giusto premio per una squadra che ci ha messo impegno fino alla fine, sia nell’arco della stagione che durante questa manifestazione, vissuta con intensità e con la voglia di arrivare fino in fondo. Merito non può che essere della società che ha creduto in questi ragazzi ma, soprattutto, di chi li ha guidati. Si tratta di Ezio Liccardi, un conoscitore del calcio, uno studioso del pallone, capace, un giorno, di lasciare giocatori fatti e formati per prendere la guida di chi, invece, una storia nel calcio deve ancora costruirsela. Anche questa è una vittoria per il tecnico dei beneventani oltre che per dei ragazzi che lo hanno seguito sin dall’inizio dell’avventura. Il lavoro coi giovani vive di pazienza nell’aspettare che i frutti si raccolgano e l’applauso per la società beneventana è grande, perchè ha saputo attendere.

La Forza e Coraggio parte alla caccia di un trofeo che avrebbe un peso importante. Vincere con i giovani ha un sapore diverso, è il segno di una programmazione di successo ma soprattutto, dell’aver la possibilità di regalarsi un futuro roseo senza doversi dissanguare economicamente.