Tempo di lettura: 2 minuti

Quella tra Crotone e Benevento sarà anche sfida tra bomber, oltre ad essere una grande classica. Da una parte Samuele Mulattieri, dall’altra Gianluca Lapadula, storie diverse a confronto per un giovedì per nulla banale.

Il classe 2000 del Crotone guida con Lorenzo Lucca la classifica marcatori del campionato cadetto a quota 6 reti, ma mentre l’attaccante del Pisa sta trascinando i nerazzurri al vertice, Mulattieri non ha visto capitalizzare quanto compiuto finora sul piano personale. Le doppiette contro Como e Brescia, il gol con il Cittadella e quello segnato al Pisa hanno contribuito al raccoglimento di soli cinque punti. E per giunta il Crotone è in piena zona play out, ben distante dai primi posti. Colpa di troppe disattenzioni difensive e di fragilità di squadra che Modesto proverà ad aggiustare proprio contro il Benevento.

Dall’altro lato Lapadula si è presentato al campionato con una tripletta roboante messa a segno contro il Cittadella. In sei presenze, tra l’altro con scarso minutaggio a causa dei tanti impegni con la Nazionale, il ‘bambino delle Ande’ ha dimostrato che nel campionato cadetto fa la differenza. Al tris rifilato ai veneti si sono aggiunti i gol con il Como e il Cosenza, liquidato nell’ultimo impegno in cui è stato in grado di arricchire il bagaglio con ben due assist. 

Allo Scida tra loro due sarà una sfida nella sfida. Entrambi con l’estero nel sangue, visto che il peruviano sta raccogliendo forti consensi in Sudamerica e lo spezzino ha vissuto in Olanda una stagione da favola lo scorso anno. A differenza di tanti coetanei, infatti, decise di rifiutare un prestito nella nostra serie B per emigrare al Volendam, in Eerste Divisie.

I diciannove gol tra andata e ritorno gli sono valsi il rientro nel Bel Paese con un rinnovato biglietto da visita. Tutto sta funzionando anche contro le più accorte difese italiane, ma quello di giovedì si presenta come il più arduo tra i banchi di prova. Kamil Glik è lì che lo attende. Ha da riscattare la sua pessima ultima volta nello stadio crotonese, l’impressione è che non ci andrà per il sottile