- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Alla luce del risultato delle elezioni europee, col grande risultato ottenuto nel proprio territorio, arriva la prima soddisfazione per Massimiliano Marotta che, da questa mattina, per volontà e nomina del presidente provinciale di Fratelli d’Italia, il senatore Matera, entra a far parte dell’esecutivo in qualità di membro del Coordinamento provinciale.

Un premio al lavoro messo in campo nelle settimane scorse, al pari di Giuseppe Di Piro, compagno di viaggio in questa avventura nel partito caro alla premier Giorgia Meloni. Tanti voti ottenuti a Limatola, un risultato sperato senza avere la certezza di poterlo ottenere, ma alla fine il lavoro ha pagato e la scelta di tante persone è stata riversata su Fratelli d’Italia che sta velocemente diventando un riferimento per il territorio.

Non ci aspettavamo un esito del genere – commenta Marotta – lo speravamo, questo sì, ma c’era tutta l’incognita dell’essere una nuova rappresentanza e questo ci ha portato a lavorare ancora più duramente per cercare di dare credibilità alla proposta sin dalle prime battute. E devo dire che la risposta è stata lusinghiera. Ovviamente vanno ringraziati i cittadini che hanno stretto questo patto con noi, senza di loro non si poteva ottenere un risultato così importante a Limatola. C’è stato anche il nostro apporto nei grandi numeri messi insieme da Gambino”.

E la conseguenza è stata la nomina come membro del Coordinamento provinciale.

La comunicazione ricevuta mi inorgoglisce perchè significa che abbiamo lavorato bene e perchè abbiamo dimostrato di essere interlocutori credibili, il giusto tramite tra il partito e il territorio. Devo ringraziare il senatore Matera per questo attestato di stima e fiducia nei miei confronti. Con lui c’è stata sinergia da subito, unione di intenti e grande attenzione verso tematiche importanti per la nostra realtà. Inizia un nuovo percorso, inizia una sfida importante con la consapevolezza di dover essere sempre attenti a ciò che chiede il territorio e con la consapevolezza che ci sono orecchie importanti e pronte ad ascoltare le nostre esigenze”.