Tempo di lettura: 2 minuti

Avrà luogo domani alle 9.30 presso il dipartimento Demm di via delle Puglie il seminario di studi  “Cooperare per competere. La cooperazione agricola nelle aree interne della Campania tra passato e presente”, promosso dall’Università del Sannio.  L’incontro  vuole rispondere all’esigenza di una sempre maggiore consapevolezza dell’importanza del modello cooperativo. L’iniziativa rientra nel “Ciclo di seminari di storia d’impresa – Gli studenti per gli imprenditori: un laboratorio nel Sannio”. Il seminario si terrà sotto la responsabilità scientifica di Vittoria Ferrandino, docente di Storia dell’impresa, con la collaborazione della cattedra di Economia agro-alimentare di Giuseppe Marotta, direttore del Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi quantitativi (DEMM).

Quella della cooperazione è una storia assieme antica e moderna: antica, come forma di solidarietà tra gli uomini e di auto-organizzazione; moderna, se si fa riferimento alla cooperazione così come oggi la conosciamo. Non a caso, già alla fine dell’Ottocento, Don Lorenzo Guetti paragonava la modernità della cooperazione a quella del telegrafo e dell’energia elettrica. Nella fase di crisi che il sistema economico-produttivo sta attraversando, il modello cooperativo rappresenta una strategia per competere e rispondere in maniera efficace alle molteplici sfide della società. Nello specifico, un ruolo di assoluta importanza la cooperativa riveste nel sistema agroalimentare, i cui impatti positivi, in termini di accresciuta competitività delle piccole imprese, di creazione di network multi-stakeholder, nonché di sviluppo del contesto territoriale, ne hanno consolidato il ruolo anche come modello di creazione di valore diffuso.