Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – E’ un vero e proprio grido d’allarme quello lanciato dal sindaco di Benevento Clemente Mastella attraverso il proprio profilo facebook.

Sono più di 3000 i contagiati in Campania oggi. Non si regge più”. Questo l’incipit del sindaco”.

Ma ancora – continua – la percezione del pericolo sanitario non si ha. E rischiamo la tragedia. C’ è un divario di percezione tra il rischio sanitario e l’ amplificazione di quello economico. Il bivio storico è: se si spinge sulla leva coraggiosa ma complicata per contenere i contagi, ormai sfuggiti di mano, si danneggia l’economia, e invece senza contenimenti saltano le strutture sanitarie con conseguenze spaventose. Anche da noi inizia ad essere così. Noi, però, siamo il paese che ha la quantità di lavoratori autonomi più alta in Europa, ed abbiamo un sommerso economico senza tutele. Allora occorre che i ristori siano celeri attenuando le conseguenze sociali della chiusura. Debbo dire però che se non ci saranno provvedimenti aggressivi in alcune realtà la situazione volgerà al peggio e tornerà dove nessuno vorrebbe, cioè alla primavera. Occorrono quindi chiusure locali e mirate“.

Infine l’annuncio: “Ho dato possibilità di onorare, come è tradizione, i nostri defunti. Ma se dopo il primo giorno, il report dei vigili, mi dirà che non c’ è stato distanziamento ma assembramento chiudo il cimitero. Ognuno sia responsabile e mi raccomando si esca solo quando è necessario“.