Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Il giorno del matrimonio è tra quelli più attesi, la coppia che conclude un percorso con il fatidico “sì” che, allo stesso tempo ne fa iniziare un altro. Un giorno di festa nel vero senso della parola. Matrimonio, però, è anche sinonimo di grande spesa, tanti soldi da mettere in conto per arrivare al fatidico giorno con ogni aspetto messo a punto. Dal vestito, al pranzo o cena che sia, passando per il fioraio e il fotografo, insomma un esborso niente male. E a questo ce n’è un altro da mettere in conto: la chiesa. Un giro per Benevento ha fatto scoprire che se da un lato si va incontro alla classica offerta libera, che in fondo, probabilmente non è del tutto libera, a un vero e proprio prezzo fisso. Cifre stabilite per poter stare un’ora in chiesa, leggere la formula e dire “sì”. Un costo dovuto alla gestione della struttura, tra pulizia, aria condizionata e altri tipi di spese varie. Dai 300 euro di una chiesa in centro città fino al costo di un coperto richiesto in un’altra, passando per chi non vorrebbe chiedere nulla ma preferisce acconsentire al consiglio dei fedeli che chiedono al parroco di chiedere qualcosa agli sposi. E poi ci sarebbe anche la ricevuta: eh sì perchè se gli invitati esagerano con lancio di riso e petali di fiori, il parroco farà pulire tutto ma la spesa ricadrà sui giovani innamorati. Insomma sposarsi non è solo il giorno più bello, è anche quello più costoso.