Tempo di lettura: 2 minuti

Il matrimonio tra il San Giorgio del Sannio e Ciro Mauro era già stato annunciato. L’atteso sì è diventato ufficiale nella giornata odierna, sancendo di fatto un’unione che in molti si auguro redditizia. Lasciato il Molinara, il tecnico beneventano riparte dunque al paese nel quale risiede ormai da tempo.

Ringrazio tutti per le belle parole ma nel calcio contano solo i risultati. L’interessamento da parte del San Giorgio del Sannio mi ha fatto subito piacere, ormai vivo qui da 32 anni e mi considero un cittadino d’adozione“, ha esordito così il neo allenatore, “questa è sempre stata una piazza importante a livello calcistico, una piazza rispettata da tutti. La presentazione è da serie A, ma nel calcio uno più uno non fa mai due. In campo la maglia andrà sempre sudata. Nella passata stagione qualcosa non ha funzionato, faccio i complimenti a Bocchino e Peluso per il lavoro svolto ma qualcosa andrà rivisto. Mi auguro si possa ripartire confermando gran parte dell’organico ma bisognerà capire che in campo non dovremo specchiarci, i nostri primi avversari saremo noi stessi. Sarà il gruppo a fare la differenza“.

Tracciata la via da seguire, Mauro non usa giri di parole per esprimere quelli che saranno gli obiettivi da provare a raggiungere. “A me piace vincere e voglio farlo a San Giorgio del Sannio“, ha concluso l’ex Forza e Coraggio, “dovremo lottare fino all’ultima giornata ma per farlo ci sarà bisogno di attaccamento e partecipazione da parte di tutti e 23, 24 componenti della rosa“.