Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento  –   “Le tante, troppe parole dell’Assessore Del Prete (di complemento a quelle del Sindaco) non riescono a nascondere il vero movente dell’agire di questa Amministrazione, che, incapace di accettare una sentenza di buon senso da parte del TAR Campania sulla refezione scolastica, decide di appellarsi al Consiglio di Stato”.

Questo l’incipit della nota stampa inviata dai consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Benevento, Marianna Farese e Nicola Sguera, sulla questione della mensa scolastica.

Intollerabile – si legge ancora nella nota –   che una cinquantina di famiglie (che in realtà stanno agendo coraggiosamente anche per altri che o non vogliono esporsi o non possono per motivi economici) umìli in questa maniera il Sindaco Mastella, che si vantava di anticipare addirittura a livello locale le decisioni dell’ANCI! La lesa maestà non poteva rimanere impunita. E poiché le spese legali del Comune saranno “socializzate” dall’intera comunità mentre quelle delle famiglie ricorrenti saranno a loro carico immediatamente la Del Prete ha dichiarato: «L’Amministrazione Comunale, pur prendendo atto della sentenza [che significa, ci chiediamo, prendere atto?], ha deciso di presentare ricorso al Consiglio di Stato”.

Non ci interessa – insistono i consiglieri 5 Stelle –  ribattere punto per punto le asserzioni dell’Assessore. Ci pare perdita di tempo. Come la vicenda del divieto delle biciclette su Corso Garibaldi, la mensa sembra diventata la casamatta da difendere ad ogni costo, il luogo simbolico in cui sembra giocarsi il destino stesso di un’Amministrazione che aveva promesso di risolvere tutti i problemi della città e si è rivelata mediocre o inconcludente rispetto a ciascuno di essi. Oppure è dovuta ricorrere alla coercizione, come in questo caso. Come ci si può vantare di avere oltre mille iscritti sapendo che essi non avevano alternative? Che, letteralmente, o si mangiava “questa minestra” o si ci buttava dalla finestra? E non c’è un po’ di imbarazzo nell’ammettere che la Commissione preposta ai controlli ancora non è operativa?”

Per questoconcludonoabbiamo presentato interrogazione, depositata oggi, in cui chiediamo di conoscere i costi di questo atteggiamento protervo. È giusto che un Comune dissestato paghi cifre importanti per difendere l’indifendibile? A noi appare amministrativamente (e moralmente…) illegittimo gravare l’Ente di una spesa illogica e realisticamente destinata ad avere efficacia nulla, configurandosi come mero esercizio vessatorio (a spese della comunità) nei confronti di famiglie che si sono limitate a reclamare un diritto (riconosciuto da tutte le sentenze e dal MIUR!) e che hanno pagato di tasca propria per tale riconoscimento.”