Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – Maledetta sosta. E’ bastata una settimana di riposo per interrompere la rincorsa del Benevento. Forse non sarebbe cambiato nulla, la Strega sarebbe caduta lo stesso a Bologna ma al “Dall’Ara” si è vista una squadra profondamente diversa da quella ammirata contro Chievo e Sampdoria. I giallorossi sono tornati a essere ostaggi delle loro paure, palesando difficoltà e limiti evidenti. La formazione di Donadoni non era certamente una corazzata, anzi aveva dimostrato di essere vulnerabile nella prima frazione di gioco. Il palo di Guilherme e qualche buona ripartenza sono però rimaste le uniche tracce di un Benevento rimasto orfano del carisma e della leadership di Fabio Lucioni.

La retroguardia ha ballato: sono riaffiorate le insicurezza di Belec, Costa e Djimsiti si sono smarriti senza il loro faro e Billong, a dispetto di un imponente stazza fisica, ha messo in evidenza tutti i suoi limiti come terzo di difesa. Palacio, non l’ultimo arrivato sicuramente ma un giocatore con undici primavere in più sulle spalle, è stato capace di sfruttarne tutte le lacune. Lecito chiedersi, allora, se fosse stato meglio intervenire subito su un reparto che aveva già perso Antei fino al termine della stagione. Il passaggio alla retroguardia a tre e la spada di Damocle che pendeva sulla testa di Lucioni imponevano almeno l’arrivo immediato di un altro difensore (oltre all’ex Maribor). Si è invece deciso di intervenire in tutti gli altri settori, rivoluzionando una rosa a stagione in corso per provare a compiere l’impresa tanto sperata.

Un calciomercato “estivo” trasportato a gennaio, cercando di correggere gli errori commessi. Le rivoluzioni, però, non sono prerogativa di successo, lo insegna quello stesso Crotone preso costantemente come esempio positivo. I calabresi nella passata stagione hanno ingaggiato solo Kotnik e Acosty per evitare la retrocessione, una rimonta poi favorita, è bene ricordarlo, dal crollo dell’Empoli. Il Benevento ha deciso di percorrere la strada opposta, attingendo a piene mani dall’estero e portando in Italia calciatori che devono ambientarsi e ritrovare una condizione adeguata. Dovranno farlo in fretta perché la sconfitta di Bologna ha fatto nuovamente salire lo stato d’allerta.

Se prima del match contro i rossoblu i passi falsi si sarebbero dovuti limitare a pochissime unità, ora sarà fondamentale non commetterne alcuno e il calendario, in questo senso, non sembrerebbe benevolo. A inizio stagione il cammino della Strega appariva positivo ma un disastroso girone di andata ha cambiato radicalmente le carte in tavola. Adesso bisognerà affrontare in rapida successione le trasferte di Torino (con i granata) e Roma (con i giallorossi), intervallate dal derby interno con il Napoli. Tre sfide dall’elevato coefficiente di difficoltà che potrebbero azzerare nuovamente il morale beneventano, cancellando quell’ondata di entusiasmo respiratasi durante le feste natalizie.