Memorial Micheli, vittoria di Lorenzo Ginestra della Vejus Aran

Tempo di lettura: 3 minuti

Pago Veiano (Bn) – Si impreziosisce la brillante stagione agonistica della Vejus Aran, ieri Lorenzo Ginestra ha conquistato la sua prima vittoria da under 23 nella ventesima edizione del Memorial on. Filippo Micheli  corsosi a Labro nel reatino. Il corridore ha coronato con l’agognato successo una, fin qui, ottima annata,  caratterizzatesi dai secondi posti ottenuti recentemente al Giro delle Valli Aretine e alla Coppa San Sabino a Canosa di Puglia.

La gara di 127 chilometri, “accompagnata” dal grande caldo, 40° gradi, ha visto un ritmo molto elevato sin dalla partenza, con diversi tentativi di fuga sia nel tratto in linea che nel circuito dei Colli sul Velino che è stato ripetuto sette volte, è risultata decisiva la salita finale verso Labro con un gruppo selezionato di trenta corridori che si è andato a giocare il traguardo.

Si avvantaggiano in sette negli ultimi 2 chilometri, tra questi Ginestra, fin lì ottimamente coadiuvato dai compagni di squadra, e il romano Luca Taschin (Montegranaro) sono i più attivi. Taschin prova più volte ad evitare la soluzione allo sprint che però è inevitabile, volata lunghissima lanciata proprio dal corridore della Montegranaro che viene prepotentemente rimontato negli ultimi 150 metri da Ginestra che conquista la vittoria e da Di Renzo (VPM) che sale sul secondo gradino del podio. Una grande corsa, che ha premiato gli sforzi degli organizzatori, conclusa a 41 di media.

Ginestra è un ciclista di primo anno, nato nel 2000, ragazzo molto ligio ed attento alle direttive e ai consigli del Direttore Sportivo Donato Polvere e del patron Umbertone di Giuseppe, segna e consegue con il successo di ieri anche un punto di partenza per una grande carriera fra gli under 23.

La prossima gara in calendario per la Vejus Aran sarà venerdì 16 agosto per il tradizionale appuntamento con il Gran Premio di Capodarco, che si correrà sulle strade familiari a Ginestra, essendo originario di Civitanova Marche.

La gara di Capodarco, l’anno scorso vide l’assolo trionfale di Einer Rubio. L’atleta colombiano non è stato presente alla corsa di ieri, per preparare al meglio l’imminente Tour de l’Avenir, il Tour de France under 23, gara dall’albo d’oro prestigiosissimo, a cui prenderà parte con la nazionale colombiana e dove si confronterà con la crema del ciclismo mondiale. Anche egli reduce da buoni piazzamenti (quarto al Giro del Medio Brenta, quinto alla Coppa San Sabino, sesto alla Coppa Bologna), ha affinato la preparazione nelle sue strade preferite del Fortore e del Matese. Il Tour de l’Avenir partirà venerdì 16 nei pressi di Bordeaux per concludersi domenica 25 agosto a Le Corbier; le ultime tappe alpine ricalcheranno quelle recenti del Tour de France che ha visto trionfare Egan Bernal, proprio quest’ultimo due anni vinse il Tour de l’Avenir, che ciò sia di buon auspicio per la gara di quest’anno.