Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma di Angelo Moretti, candidato Sindaco della Coalizione ArCo, nel quale annuncia di aver accolto il Documento del Coordinamento di Libera e la partecipazione all’evento previsto per il 25 settembre 2021.

“Con grande senso di responsabilità e con grande piacere parteciperò all’incontro che “Libera contro le mafie” ha organizzato alle ore 18.30 di sabato 25 sept 2021, al Campo di calcetto del Quartiere Capodimonte per ascoltarmi come candidato Sindaco alle prossime elezioni comunali di ottobre.

Ho letto il documento di Libera e i sei punti che sono evidenziati come prioritari.

Credo che indichino le priorità che qualunque Amministrazione dovrebbe darsi e posso dire che nel mio programma elettorale essi sono tutti inseriti con il dettaglio della pianificazione di come affrontarli e risolverli.

Ma l’adesione ai principi chiesti da libera per me non sono legati solo al momento elettorale. La mia storia personale e professionale parlano del mio impegno ventennale a favore delle persone fragili, contro l’usura e il gioco d’azzardo.

Su questi temi, ho promosso anche tre reti nazionali sul tema del “welfare generativo, di comunità e di prossimità”.

La prima Rete, quella dei “Piccoli Comuni Welcome” promuove il rilancio delle aree interne a partire dal welfare di comunità in chiave di economia civile e di cooperazione di prossimità e punta a rigenerare i territori liberandoli dal gioco d’azzardo con l’adozione dei Regolamenti comunali per limitare e disciplinare le regole per gli esercizi commerciali che decideranno di convertire la propria offerta al pubblico di azzardo e gioco che induce alla patologia.

La seconda, a livello nazionale è la Rete del “PFP. Progetti Formativi Personalizzati con Budget Educativi”: circa duemila, in undici province italiane, gli adolescenti coinvolti, lavoriamo con 48 partner tra i quali l’Azione Cattolica Italiana; due Università, Padova e Benevento; la Kip School International.

Nel 2020, Civico22 ha istituito, in collaborazione con il “PFP”, il Patto Educativo Territoriale, che è una realtà di questa città e che si è estesa anche ad alcuni Comuni della provincia: è stata fatta una mappatura della dispersione scolastica che ci ha consentito di recuperare quasi ottanta adolescenti scomparsi dalla didattica a distanza, ma che comunque erano a rischio a causa delle loro situazioni di povertà educativa. La risposta della città è stata ottima, entusiasmante: otto Istituti scolastici al tavolo del Patto, insieme a numerose Associazioni del terzo settore e sportive che hanno lavorato con gruppi di sei studenti alla volta rimettendoli in linea col il corso della didattica e includendoli in attività sportive e ricreative durante il pomeriggio”.