Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – Ci accoglie nel suo ufficio, con la tranquillità e la gentilezza che lo contraddistinguono. Con la disponibilità e la consapevolezza di chi parla poco ma affida ai fatti il suo lavoro e il suo operato. Luigi Bonagura, Questore di Benevento, da cinque mesi nel capoluogo sannita, traccia un bilancio sulla questione movida nel centro storico che tanto aveva riempito le pagine di cronaca nell’ultimo periodo. Il suo giudizio, dopo numerosi anni presso la Polizia di Napoli, è sarcastico tanto quanto sincero, trasmettendo la sicurezza di chi conosce la realtà del capoluogo sannita: “Parlare di movida violenta a Benevento è esagerato anche in base a ciò che appare in altre realtà – sottolinea Bonagura –  Al massimo possiamo definirla una movida “frizzante” che va seguita con attenzione. Per questo noi predisponiamo servizi volti a far si che la permanenza dei giovani in alcune aree della città sia tranquilla e serena e si svolga secondo i criteri della legalità. Ci sono dei gruppi di giovani, di ragazzi, di minorenni che anche per la loro giovane età possono essere definiti vivaci e allegri ma non li definirei baby gang”.

Interpellato sull’argomento alcool ai minori e droga il capo della Polizia sannita non ha dubbi: “Fin dall’inizio dell’estate, attraverso tavoli tecnici fatti in Questura, abbiamo disposto dei servizi attivi su tutto il territorio e nel centro storico. Continuiamo, con i carabinieri e la polizia municipale, a far sentire la nostra presenza nel centro storico. Per quanto riguarda la droga, lo spaccio e l’alcool ai minori, con il servizio della divisione di polizia amministrativa la nostra intenzione è quella di continuare con servizi mirati verso esercizi che somministrano bevande alcoliche ai più piccoli e sulla questione droga la nostra azione, e quella dei carabinieri, sta portando dei frutti importanti e dei risultati eccellenti”.

Un lavoro, quello di Bonagura, che dura da cinque mesi a Benevento, dal suo insediamento a maggio quando definì il Sannio un territorio tranquillo e accogliente “Continuo a pensarlo – sottolinea il Questore sannita – ma dopo questi mesi registro che, nonostante l’apparenza di tranquillità che si respira per la città, se andiamo a scavare troviamo sempre qualcosa che giustifica il nostro lavoro e su quello dobbiamo insistere e lavorare per regalare ai cittadini di Benevento una situazione di assoluta serenità”.

Una persona, Bonagura, riservata e di pochi proclami “il mio motto resterà sempre lo stesso: non si impara mai parlando. E’ il mio carattere. Non è necessario, a mio avviso, proclamare ciò che si fa. L’importante è farlo e farlo bene”.