Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Ventisettemila euro in quindici giornate. Se il campionato del Benevento può definirsi finora perfetto per quel che attiene il rettangolo verde, lo è un po’ meno sul piano delle sanzioni. Il club giallorosso con i 2.500 euro ufficializzati oggi dal giudice sportivo ha raggiunto una cifra ‘monstre’. 

Sul dato, è bene precisarlo, pesano non poco i diecimila euro comminati alla Strega in occasione del match della tredicesima giornata giocato al Vigorito contro il Crotone, quando ad essere punite furono le perdite di tempo dei raccattapalle. Il restante delle multe si riferisce all’accensione di petardi o fumogeni, episodi che si sono ripetuti spesso nel corso delle settimane. 

Volendo giocare un po’ con la matematica, il Benevento si è visto infliggere praticamente venti euro per ogni minuto giocato (escluso recupero). In ben otto delle quindici gare disputate sono arrivate sanzioni riguardanti le inottemperanze dei tifosi o di ciò che fa da contorno a quanto accade in campo, dove la Strega fino a questo momento ha dimostrato di non avere rivali. 

LE SANZIONI COMMINATE AI GIALLOROSSI:
1^ Pisa-Benevento: nessuna sanzione
2^ Benevento-Cittadella: 2.000 euro
3^ Salernitana-Benevento: 1.500 euro
4^ Benevento-Cosenza: nessuna sanzione
5^ Pordenone-Benevento: nessuna sanzione
6^ Benevento-Entella: nessuna sanzione
7^ Spezia-Benevento: nessuna sanzione
8^ Benevento-Perugia: 2.000 euro*
9^ Pescara-Benevento: nessuna sanzione
10^ Benevento-Cremonese: 1.500 euro
11^ Benevento-Empoli: 1.500 euro
12^ Juve Stabia-Benevento: 4.000 euro
13^ Benevento-Crotone: 12.0000 euro
14^ Venezia-Benevento: nessuna sanzione
15^ Benevento-Trapani: 2.500 euro

*= +1500 euro comminati a Nicolas Viola per simulazione