Tempo di lettura: 2 minuti

“Perifano afferma di essere un candidato civico non di partito, dichiara di aprire le porte a tutte le forze politiche per riportare Benevento al centro del dibattito politico nazionale. Ma siamo su scherzi a parte o è uno scherzo del caldo di luglio?”.

A chiederlo è la segreteria di Noi Campani dopo aver letto la nota (leggi qui) del candidato sindaco Luigi Diego Perifano. “Quando evidentemente si ci avvia alla certezza della sconfitta le si provano tutte pur ricercare una piccola ancora di salvezza. Ma nel caso specifico Perifano è andato a fondo perché in un colpo solo ha messo a nudo la sua coalizione. Che ne pensano i dirigenti del Pd e dei Cinquestelle della sortita di Perifano? Condividono l’apertura a tutte le forze politiche, anche di destra, per rendere la sconfitta meno bruciante e magari per tentare almeno di arrivare secondi? Comunque al di là di queste inutili uscite, invitiamo il candidato Perifano a calarsi meglio nella realtà cittadina perché dalle sue continue dichiarazioni sembra rimasto al 1996. Parlare di poltronite fa parte di Perifano. È davvero stupefacente e singolare per uno che non è mai stato eletto, esser nominato non dal popolo, ma dal partito, presidente dell’Area Industriale, di Sannio Europa e della Samte, peraltro, le ultime due aziende finite, purtroppo, male. Mastella è stato eletto sempre dal popolo, lui no”.