- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo una settimana di detenzione in carcere, il 34enne di Foglianise,  arrestato il 10 giugno scorso, può tornare a casa. Questa la decisone del Gip del Tribunale di Modena, che ha accolto la richiesta di attenuazione della misura cautelare avanzata dal difensore dell’uomo, l’avvocato Angelo Leone. Lombardi, tuttavia, non è libero: ha lasciato la Casa Circondariale di Capodimonte ma dovrà rimanere ristretto agli arresti domiciliari. Il 34enne pregiudicato di Foglianise era finito in cella perchè gravemente indiziato del reato di cessione continuata e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso. 

Le indagini

Le indagini sono state effettuate dalla Squadra Mobile di Modena e scaturiscono da una segnalazione del settembre 2020 della Direzione centrale per i servizi antidroga relativa al sequestro di un ingente quantitativo di cocaina il cui destinatario era stato individuato in un cittadino italiano residente a Guiglia. Il pacco intercettato all’aeroporto di Bogotà, in Colombia, conteneva 23 chili di polvere bianca e la destinazione era appunto un’abitazione sul nostro Appennino. Le successive indagini avevano consentito attraverso l’osservazione e l’appostamento ma anche tramite intercettazioni e analisi dei tracciati storici dei dispositivi satellitari GPS, di individuare un cospicuo numero di persone di nazionalità italiana, albanese, tunisina marocchina e cubana alcune irregolari sul territorio nazionale dedite in via continuativa all’attività di traffico di sostanze stupefacenti nel territorio della provincia di Modena. Nell’ambito dell’intera attività di indagine sono stati tratti in arresto 18 indagati ed altri cinque sono stati denunciati in stato di libertà. Complessivamente sono stati sequestrati oltre 8.300 grammi di sostanza stupefacente tra cocaina, eroina, marijuana, funghi allucinogeni, foglietti impregnati di LSD e flaconcini di liquido oleoso DAB, oltre ad una pistola provento di furto e numerose munizioni di diverso calibro. Durante le indagini inoltre è stata anche sequestrata la somma di circa 18.170,00€.