Tempo di lettura: 3 minuti

Ascoli – Il Benevento supera 2-0 l’Ascoli e conquista il suo secondo successo in campionato. Le pagelle dei giallorossi dopo la sfida del Cino e Lillo Del Duca decisa dalle reti di Sau e Insigne, entrambe nel primo tempo. 

Paleari 6,5: Non ha molto da fare ma gli va riconosciuto il merito di essere sempre pronto e reattivo nelle uscite, specie quando l’Ascoli ha aumentato la pressione. 

Letizia 6,5: Inizia col freno a mano tirato, poi cresce soprattutto sul piano difensivo compiendo almeno due chiusure chirurgiche. (10’st Elia 6: Quando entra la squadra ha già abbassato il baricentro e deve assolvere a compiti di equilibrio. Si dà da fare nelle rare ripartenze pur senza pungere).  

Glik 7: Erge un muro al centro della difesa e prova a rendersi pericoloso su calcio piazzato senza fortuna. Sarà che non viene attaccato in velocità, ma pericoli non ne corre. 

Barba 7: Dionisi in avvio lo anticipa ma non centra il bersaglio di testa, poi però lo doma al meglio nonostante l’attaccante ascolano lo costringa al giallo già nella prima frazione. 

Foulon 7,5: Il modo di giocare di questo Benevento lo esalta e si vede. Ha licenza di spingere e crossare, ovvero di fare ciò che gli riesce meglio. Il risultato? Due assist al bacio che confermano l’ottimo avvio di stagione. 

Ionita 6,5: Torna protagonista in un centrocampo a tre e dà fisicità al reparto con le solite chiusure e i duelli corpo a corpo. Ammonito nel primo tempo, Caserta gli risparmia rischi nel finale. (26’st Vokic 6: Entra con personalità e congela il pallone nella fase finale del match). 

Calò 6,5: Spaventa Leali su punizione ma le cose migliori le fa tenendo la barra dritta nel centrocampo a tre varato dal suo allenatore. Lucido fino al 90′, vince il duello personale con Buchel. 

Acampora 6: Lavoro di grande utilità per la squadra il suo, ma fanno da contraltare l’errore da ottima posizione sullo zero a zero e qualche imprecisione in fase di passaggio. Neanche lui sfugge alle grinfie di Abbatista che lo ammonisce già nel primo tempo. (25’st Tello 6: Dà un buon contributo in termini di fisicità ma si divora il 3-0 a porta vuota). 

Insigne 7: Guida la transizione e impensierisce la difesa bianconera in situazione di uno contro uno. Arriva coi tempi giusti sul cross di Foulon per il gol della sicurezza. (26’st Brignola 6: prova a mettersi in mostra fin da subito dando brio alla corsia destra. Chiude in crescendo). 

Sau 7,5: Il migliore in campo al pari di Foulon. Sblocca il risultato con una prodezza da giocatore di altra categoria. Avlonitis non riesce a fermarlo, Leali lo maledice ancora. Per un tempo è imprendibile, poi la spia della riserva si accende anche per lui. (26’st Lapadula 6: ha una grande occasione a dieci  minuti dalla fine ma calcia fuori di sinistro. Costretto a un lavoro ‘inzaghiano’, tutto solo a combattere con i difensori avversari nel tentativo di tenere il risultato in ghiaccio). 

Improta 6: Parte da laterale offensivo, finisce da terzino. Gara senza infamia e senza lode del partenopeo che svolge un ruolo prezioso nel liberare le sovrapposizioni di Foulon. 

All. Caserta 7: In avvio il suo Benevento regala all’Ascoli l’illusione di un pomeriggio più sereno, poi però prende in mano il gioco e domina per larghi tratti. Prima vera prestazione di autorità della Strega che ha dato l’impressione di conoscere alla perfezione i punti deboli avversari mantenendo ancora la porta blindata. Ottimi segnali.