Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – Finisce il match del Vigorito tra il Benevento e il Pisa, valevole per la prima giornata di ritorno del campionato di serie B. Di seguito le pagelle dei giallorossi: 

Montipò 5,5: Secondo tempo da turista, ma nel primo commette una leggerezza su rinvio e viene beffato sottomisura da Tuia. 

Maggio 5,5: Non è in grandissima serata e la catena con Kragl non funziona come dovrebbe, ma nel finale ha l’occasione che vale i tre punti e non è lucido nel concretizzarla.

Tuia 5: Due infortuni in pochissimi minuti. Il primo è tecnico e costa il pari alla Strega, il secondo è fisico e lo costringe ad abbandonare il campo. (22’pt Volta 6: entra con autorità e corre pochissimi rischi).

Caldirola 6: Fabbro lo mette in difficoltà con la sua velocità, ma col passare dei minuti il suo lavoro è reso più agevole dall’atteggiamento più remissivo degli ospiti.

Letizia 5,5: Nel primo tempo non è il solito Letizia, nella ripresa libera più volte il cross con efficacia servendo anche un cioccolatino a Kragl per il possibile vantaggio.

Tello 6,5: Primo tempo giocato su ottimi ritmi e con buona gamba in entrambe le fasi, nella ripresa è fermato dall’infortunio. (8’st Improta 5,5: Ci mette un po’ troppo a mettersi in evidenza, ma nel finale ‘rischia’ di essere decisivo con un paio di strappi alla sua maniera)

Schiattarella 6: Orfano della preziosa presenza di Hetemaj, anche lui come diversi compagni cresce col passare dei minuti. Nell’ultimo quarto d’ora guida la riscossa, ma i compagni non concretizzano. 

Viola 6: Tra i centrocampisti è quello che ci prova maggiormente, ma il mancino stasera trova in Gori un ostacolo insormontabile sia su azione che su calcio piazzato.

Kragl 5: I movimenti non sono fluidi come venti giorni fa e ci può anche stare. Manca anche la lucidità nel compiere la scelta giusta e soprattutto la mira sull’occasione da gol colossale servita da Letizia.

Sau 6,5: Il gol del vantaggio nasce da una sua grande azione, poi ci riprova servendo a Coda la palla del possibile 2-1. Sempre pimpante, è il pericolo numero uno per la difesa nerazzurra. (34’st Moncini s.v.: il sogno sarebbe un gol al debutto, ma i minuti sono pochi e le occasioni scarseggiano)

Coda 6: Ha il pregio di sbloccare la partita, ma nelle occasioni successive la mira è difettosa. Va anche detto che a inizio ripresa Gori compie un prodigio nel sbarrargli la strada.

All. Inzaghi 6: Deve fare a meno di Hetemaj messo ko dall’influenza, ed è una tegola. Inizio affannoso, ma il Benevento cresce nella ripresa dimostrando di meritare il vantaggio nella creazione di svariate occasioni. Stavolta, però, non c’è lieto fine.