Tempo di lettura: 3 minuti

Verona – Brutta sconfitta per il Chievo, ennesima vittima di un Benevento schiacciasassi. Le pagelle dei gialloblu dopo la sfida del Bentegodi. 

Nardi 5: Va bene la parata su Insigne nella ripresa ma ha sul groppone il gol pesantissimo di Tuia, quello che di fatto decide la partita. 

Dickmann 6: Se la cava bene nel duello con Improta e dialoga spesso con Vignato per far partire l’azione offensiva.

Vaisanen 6: Poche sbavature, al punto che il rimpianto vero lo ha in attacco, quando sbaglia il gol del pari a porta vuota. Arriva scoordinato sulla respinta, la palla va sul fondo. 

Rigione 5,5: Convince meno rispetto al compagno di reparto. Coda lo sovrasta pur senza pungere e lo costringe sistematicamente al fallo. 

Cotali 5: Il quarto d’ora finale del primo tempo è da film horror. Prima si lascia scappare Maggio per il gol del pari, poi tiene in gioco Coda, a cui regala un rigore in movimento. La fase difensiva è totalmente da rivedere. 

Segre 5,5: Marcolini si aspettava qualche inserimento in più, come quello provato al 13′ (colpo di testa parato da Montipò), ma spunti non ne arrivano e viene sostituito. (57’ Giaccherini 6,5: Il piede e il passo sono da serie A. Riesce a cambiare marcia e impegna Montipò, ma non basta). 

Vignato 6,5: Nel primo tempo domina letteralmente la scena. Oltre al gol si segnalano assistenze a ripetizione per i compagni, come quella per Djordjevic nel primo tempo. Dopo l’intervallo i giallorossi prendono le misure e lo limitano. Il futuro è tutto suo. 

Di Noia 6,5: Gara intelligente la sua. Riesce anche a calciare all’indirizzo di Montipò che però gli sbarra la strada. (69’ Esposito 6,5: Entra con personalità e mette in mezzo la punizione insidiosissima del ‘quasi autogol’ di Tuia). 

Garritano 6,5: Fa deragliare Maggio nell’azione del vantaggio, dimostra di poter far male e chiama alla parata Montipò nel finale costringendolo all’intervento con i piedi.

Meggiorini 6: Battaglia con Maggio, i movimenti sono quelli giusti ma gli manca l’occasione propizia. Di questo va dato pieno merito alla difesa sannita. 

Djordjevic 5,5: Un’occasione nel primo tempo, subito dopo il vantaggio, poi solo la sensazione di poter creare insidie che non arrivano mai. (77’ Pucciarelli 5,5: Gli capita una sola chance, per giunta casuale. Non la sfrutta).

All. Marcolini 6: La squadra si muove bene per gran parte della gara, ai punti avrebbe forse meritato anche il pareggio, ma contro questo Benevento non c’è discorso che tenga. Alla conta dei gol, la Strega riesce sempre a prevalere. 

QUI LE PAGELLE DEL BENEVENTO