Tempo di lettura: 3 minuti

Pescara – Il Pescara batte il Benevento all’Adriatico ed esce dalla crisi. Di seguito le pagelle degli uomini di Zauri, trascinati da un irrefrenabile Machin. 

Fiorillo 6,5: Un’uscita alta su Improta e una bassa su Coda, nei suoi 45 minuti. E’ infatti costretto a uscire a causa dei postumi dell’impatto con l’attaccante dopo una prima frazione di buon livello (1’st Kastrati 6: Dove non arriva lui, arrivano i suoi difensori. Non compie grandi interventi ma si segnala per qualche buona uscita)

Ciofani 6,5: Assist per il due a zero di Machin, ma non solo. Tanta sostanza in fase di ripiegamento e diverse sovrapposizioni. Orttima gara la sua.

Scognamiglio 6: Nel primo tempo sbaglia una marcatura su Coda, che lo grazia. Cresce con il passare dei minuti pur non risultando sempre perfetto in copertura sul numero 9 nella ripresa.

Bettella 7: Un salvataggio, il suo, che vale più di un gol. Sul colpo di testa di Coda si supera in scivolata con il punteggio fermo sul parziale di 2-0. Grande autorità nonostante la gioventù.

Masciangelo 6,5: Nel primo tempo si trova in fuga verso la porta di Montipò, ma è troppo altruista e sbaglia il cross. VInce comunque il duello con Insigne mettendo in campo grande personalità. 

Busellato 6,5: Tanti inserimenti in un terzetto di centrocampo che non ha sbagliato praticamente nulla. Arriva al cross con frequenza, bene in fase di interdizione.

Palmiero 7: Padrone della mediana. Ricuce e fa partire l’azione con maestria ed un’esperienza che la carta d’identità nasconde benissimo. (35’st Bruno sv.: Una decina di minuti contro la squadra della sua città per concedere la standing ovation a Palmiero e fare il pieno di emozioni)

Memushaj 7: Il gol che sblocca il risultato è una perla rara, ma la sua partita non si limita a quello. Torna nel ruolo di interno e fa la differenza dando continui sostegno ai due trequartisti Machin e Galano.

Galano 6,5: Agisce sulla destra dalle parti di Caldirola e lo mette in seria apprensione. Il suo sinistro è sempre temibile, anche quando la mira non è delle migliori.

Machin 7,5: Due gol, un assist e la palma di migliore in campo. Il guineano è l’assoluto dominatore del match e segna il terzo gol in tre partite al Benevento, dopo quello decisivo della scorsa stagione.

Borrelli 6,5: Sfiora il gol nella prima frazione, quando nel finale non riesce a sfruttare un gran cross di Memushaj, ma il suo lavoro consente a Machin di arrivare spesso dalle retrovie. (70’ Maniero 6: Il rigore è una liberazione che aspettava da tanto tempo).

All. Zauri 7: Stravince il duello con Inzaghi preparando la partita tatticamente ed emotivamente alla perfezione. Il cambio di modulo dà i suoi frutti e consente al Pescara di vincere nel migliore dei modi contro una squadra finora imbattuta. Ogni scelta, anche a gara in corso, appare ineccepibile.

QUI LE PAGELLE DEL BENEVENTO