- Pubblicità -
Tempo di lettura: 4 minuti

Solo, solo e solo per l’incompatibilità”. Clemente Mastella convoca la stampa e motiva così le dimissioni di Vincenzo Russi, assessore all’Ambiente e vice sindaco ‘pro tempore’. Quasi a prevenire e depotenziare sul nascere dietrologismi e caccia al retroscena. “Il sindaco, all’epoca, scelse la famiglia alla politica. Io oggi scelgo il lavoro” – ribadisce Russi che lascia palazzo Mosti ma non l’attività politica: sarà segretario cittadino della nuova Udeur.

A rafforzare il messaggio, se vogliamo, la commozione che strozza le parole di entrambi. Emozionato lo è anche Luigi De Nigris, nuovo assessore della giunta Mastelle. Eredita le deleghe del suo predecessore (Politiche ambientali; Ciclo dei rifiuti; Raccolta differenziata; Decoro urbano;  Politiche energetiche e risorse alternative;  Politiche dell’innovazione, Ricerca e sanità;  Cimitero con riguardo  alla programmazione  e servizi cimiteriali) e in più dovrà occuparsi dei rapporti – solitamente sempre delicati – con il Consiglio Comunale. “Dopo oltre undici anni di Consiglio Comunale – racconta De Nigris – ricevo la nomina ad assessore da una personalità politica importante quale è Mastella. Il più bel riconoscimento del lavoro svolto in assemblea”.

Quanto al vicesindaco, invece, l’uscita di scena di Russi comporta la sostituzione con Luigi Ambrosone, in ossequio al cronoprogramma del turn over dei vice stilato dalla fascia tricolore in estate.

La giornata delle nomine, però, non si esaurisce nei movimenti legati alla giunta. A Giovanni Russo, esponente di Forza Italia, Mastella conferisce l’incarico di sovrintendere, anche in chiave propositiva e di consulenza, alle funzioni relative al Personale comunale, ai rapporti con le rappresentanze sindacali e con la RSU.

Infine, il sindaco ha proceduto anche alla nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Ente Morale San Filippo Neri di Benevento, che risulta ora composto da: Gian Raffaele Cotroneo (presidente), Gianluca Tomaciello ed Elmerinda Porcaro.

Ma è un domino complicatissimo quello determinato dalla nomina in giunta di Luigi De Nigris, costretto per incompatibilità a lasciare due scranni: quello di consigliere comunale e quello di consigliere provinciale. Nel primo caso, a subentrargli dovrebbe essere Daniela Napolitano, prima non eletta per la lista ‘Noi con Mastella’. Per entrare in Consiglio, però, la Napolitano dovrà prima dimettersi da componente del Nucleo di Valutazione del Comune di Benevento. Alla Rocca dei Rettori, invece, l’addio di De Nigris spalanca le porte al gran ritorno di Mario Pepe.

Ecco di seguito la dichiarazione rilasciata dall’ex assessore Vincenzo Russi al momento delle dimissioni:

Da settembre del corrente anno sono state trasferite all’Inps i controlli sulle assenze per malattia dei pubblici dipendenti. Di fatto, però, solo da qualche settimana, si è registrato un considerevole aggravio lavorativo per i medici incaricati del suddetto controllo. Di conseguenza per tali professionisti si sono moltiplicate le ore settimanali d’impegno, che sono passate dalle quattro alle otto ore giornaliere.

Dal 23 novembre 2017, inoltre, è entrato in vigore un nuovo sistema operativo per l’effettuazione delle visite, sicuramente all’avanguardia, che però ha allungato i tempi di ogni singola visita aggravando ulteriormente i carichi di lavoro. Ho provato per qualche giorno a conciliare il nuovo e corposo impegno lavorativo con l’incarico di Assessore, ma ho dovuto constatare, nonostante ogni buon intento, che non mi è possibile curare contemporaneamente le rispettive incombenze. In ogni caso, il nuovo contratto che dovrò sottoscrivere a breve prevede tra le incompatibilità quella con le cariche elettive.

Ne ho parlato con il Sindaco, on. Clemente Mastella, al quale, dopo avere esposto i fatti, ho comunicato la sofferta ma irrevocabile decisione di dimettermi, per evitare, dopo oltre trent’anni di lavoro, di incorrere in sanzioni o peggio di decadere dall’incarico. Gli ho riferito che il lavoro di medico, oltre ad avere contribuito a realizzarmi, è, e resta, parte importante del sostentamento della mia famiglia. L’ho ringraziato per la fiducia che ha riposto in me e per l’onore che mi ha dato nominandomi assessore e poi vicesindaco. Ho precisato che non potevo prevedere che l’istituto presso il quale presto da sempre la mia attività lavorativa, cambiasse le regole: diversamente non mi sarei avviato in questa avventura.

Ringrazio tutti i cittadini di Benevento e mi scuso con quelli che mi hanno votato.

Al Sindaco, agli Assessori, ai Consiglieri, al Segretario Generale, ai Dirigenti e a tutti i Dipendenti, auguro un sincero augurio di buon lavoro.

E’ stata una bellissima esperienza che porterò sempre nel cuore