Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – “Quante cattiverie contro di me e la mia amministrazione perché sono stato sempre contrario al panino libero a scuola“. Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, si sfoga su Facebook contro i suoi detrattori politici, riferendosi in particolar modo alla sentenza delle sezioni unite della Corte di Cassazione che hanno preso le distanze da quanto affermato dal Consiglio di Stato nella querelle del panino portato da casa nella mensa scolastica. (LEGGI QUI). 

In particolare la Cassazione ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Torino.

Infatti, per i giudici dell Cassazione non esiste alcun “diritto soggettivo a portare da casa i pasti da consumare nella mensa scolastica. Per il supremo consesso la materia, in assenza di un diritto perfetto, non può essere oggetto di accertamento da parte del giudice ordinario. Inoltre, la gestione del servizio mensa rientra nell’autonomia organizzativa delle istituzioni scolastiche di primo e secondo grado in attuazione dei principi di buon andamento della pubblica amministrazione. Le famiglie possono scegliere se portare a casa i figli per il pranzo e riaccompagnarli a scuola nel dopo pranzo”.

“L’ insistenza maggiore ad attaccarmi – ha concluso nel suo post Mastellaè venuta dai 5 Stelle e da altri isolati ed intrepidi antagonisti per ideologia: gli ideologi del panino libero. Ora la Cassazione dà ragione a me e ha sentenziato: nessun panino libero a scuola. Evviva la democrazia e l’eguaglianza tra ceti. E da noi la mensa è anche buona. Ciao ragazzi. Buona estate a voi dal vostro sindaco.”