Tempo di lettura: 2 minuti

Paolisi – Carabinieri e Guardia di Finanza presidiano le vie d’accesso a Paolisi. Da ieri sera il Comune della Valle Caudina, che si trova a poca distanza dalla Statale 7 Appia, è interdetto a tutti, in quanto dichiarato “zona rossa” da un’ordinanza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Il provvedimento è finalizzato a bloccare l’espandersi del contagio da coronavirus, il cui focolaio è stato individuato in un’azienda avicola che dà lavoro a molti dipendenti. Sono accertate ad oggi 21 persone positive al covid-19, mentre si attendono gli esiti degli ultimi tamponi effettuati dall’Asl.

L’ordinanza, firmata dal Presidente della Regione nella tarda serata di ieri, ha trovato immediata applicazione da parte delle Forze dell’Ordine che hanno avviato il presidio del territorio e bloccato tutti ingressi a Paolisi, comprese le strade secondarie.

Naturalmente questa misura estrema ha creato grande preoccupazione nella popolazione della cittadina, ma il sindaco, Umberto Maietta, ha voluto tranquillizzare la comunità. “Questo provvedimento deve essere vissuto senza ansia e senza angoscia da parte dei cittadini. E’ stato attuato anche per la loro tutela. I cittadini stanno rispondendo bene in questa prima giornata”, ha dichiarato il primo cittano, sceso in strada e in prima linea in questo delicato momento.

Il Sindaco ha anche rivelato di non aver ricevuto una comunicazione preventiva della severa misura di contrasto al Covid-19: “Non ho sentito il governatore De Luca, conto di farlo nelle prossime ore”. Maietta ha infine annunciato che nei prossimi giorni farà richiesta per uno screening di massa, nuovi tamponi per tutta la comunità.