Tempo di lettura: 2 minuti

Tutto da rifare: la gara per l’affidamento temporaneo della gestione dei parcheggi in città è stata annullata. La decisione, in autotutela, è stata assunta dal dirigente al settore Lavori Pubblici di palazzo Mosti Maurizio Perlingieri.

In ballo, ricordiamolo, c’è la gestione dei 791 stalli a pagamento ubicati lungo vie cittadine, la gara era stata aggiudicata in via provvisoria alla Italservice, azienda di Reggio Calabria, e dei 1000 stalli ubicati presso lo stadio Ciro Vigorito, affidati – sempre in via provvisoria – alla Trotta Bus.

E sono quattro le motivazioni alla base della decisione formalizzata oggi da Perlingieri.

  • In primis, si legge dalla determina, la procedura di gara è viziata all’origine in quanto è stata impostata erroneamente con il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso mentre andava applicato il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa dato che l’importo supera inequivocabilmente i 40mila euro;
  • In secondo luogo, deve essere considerato che, alla base della partecipazione alla gara, vi è la predisposizione del Piano Economico Finanziario, che si fonda sulla prospettiva di incassi stimati nel bando di gara che risultano notevolmente sottostimati, causando un vizio intrinseco dello stesso con riflessi negativi sulla qualità dell’offerta presentata;
  • Inoltre, la difformità dell’importo dell’appalto ha potenzialmente comportato la mancata manifestazione di interesse da parte di altre ditte che avrebbero potuto partecipare alla procedura, con la presenza nel bando dei maggiori e più veritieri incassi presunti:
  • In ultimo, anche la procedura di verifica delle giustificazioni dell’offerta, finalizzata all’aggiudicazione, risulta falsata in quanto le giustificazioni dell’offerta presentate dalle ditte Italservice e Consorzio Vita, non possono essere prese in considerazione, in quanto traggono fondamento su un introito presunto che è quanto meno triplicato rispetto a quello posto a base di gare.