Tempo di lettura: < 1 minuto

“L’accostamento della mia persona ad altre persone e vicende che non conosco è assolutamente improprio e fuori luogo” – così Domenico Parisi, presidente provinciale di Noi Campani replica alle dichiarazioni dell’On.le Fulvio Martusciello.

Di Martusciello ho ricordo di incontri intrattenuti durante il breve periodo in cui abbiamo avuto rapporti politici: faccio riferimento a 2 cene fatte a Limatola e a Telese Terme. Sto valutando se le parole, meglio ancora, le velate minacce da questo proferitemi costituiscono ipotesi di reato. Quello che più mi perplime è l’atteggiamento “purista” di Martusciello, che puro non è” – incalza Parisi. Che aggiunge:

Basti andare con la memoria alle intercettazioni che lo videro protagonista nel processo Medea (indagine relativa al clan dei Casalesi- gruppo Zagaria) archiviata in favore di Martusciello. Spero di non essere costretto a rispolverare – in quanto ancora presenti nella rete internet- quelle intercettazioni, che costituiscono il momento più basso della carriera politica di Martusciello”.

Leggi anche:

Limatola, intercettazioni imbarazzanti sul nuovo commissario di Forza Italia

Martusciello difende Alois e lancia avvertimento a Parisi

‘Noi Campani’ solidale con Parisi: “Grave quanto accaduto a Limatola, intervenga Prefetto”